VERSO LO SCIOPERO DEL 19 APRILE 2013  - Durante l'incontro del 21.03.2013,  valido ai fini dell'espletamento della I° fase della procedura di raffreddamento, i rappresentanti di Alitalia-Cai hanno confermato alla delegazione della Cub-Trasporti quanto da tempo denunciato:

CAI è IN PROCINTO DI DISMETTERE L'INTERA AREA CARRELLI (macchine utensili, galvanica, off.carrelli) DELLA DIVISIONE MANUTENZIONI AZ DI FCO CON LA SCUSA DELLA DISECONOMICIT DEL SETTORE I CAPITANI CORAGGIOSI VOGLIONO PROSEGUIRE LO SMANTELLAMENTO DELLA DIVISIONE MANUTENZIONI DI FCO

Altro che s alvataggio :
ANCHE L'ANNUNCIATA RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI SIA ALL'INTERNO DELLA DMO CHE AL GROUND E IN ALTRI SETTORI NON RAPPRESENTA UNA GARANZIA SE NON SI FERMA IL RIDIMENSIONAMENTO!

BASTA!

È ORA DI RIPROGRAMMARE IL RILANCIO DELLA DIVISIONE MANUTENZIONI AZ

In realt , la dismissione dell'area carrelli era n ella testa dei patrioti di CAI da tempo:

un primo tentativo di terziarizzazione del settore alla Magnaghi, con il relativo trasferimento nella nuova azienda di decine di lavoratori AZ, non si è realizzato solo per un "soffio".

CONTRO TALE DISEGNO I LAVORATORI DELL'AREA CARRELLI HANNO SCIOPERATO CON LA CUB AD OTTOBRE ED A NOVEMBRE 2012

A quanto dichiarato, però, a fronte dell'immobilismo e del silenzio-assenso di gran parte delle OO.SS. firmatarie, da tempo informate della dismissione del settore, i capitani coraggiosi di CAI continuano a perseguire il proprio obbiettivo cercando di esternalizzare le rilavorazioni effettuate nell'area carrelli, privata per l'occasione della commessa Air France (una mossa mirata a "giustificare" l'operazione di spin-off).


NO ALLE DISMISSIONIED ALLA LIQUIDAZIONE DELLE PROFESSIONALITA' DELLA DMO

L'area Carrelli è l'unico settore della DMO dove si effettuano commesse per terzi: fino ad oggi per Air-France, da tempo per altre numerose e prestigiose compagnie aeree!


COME è POSSIBILE CHE IL SETTORE SIA DIVENTATO NON COMPETITIVO, PUR AVENDO UN COSTO DEL LAVORO TRA I PIù BASSI D'EUROPA?

LA VERIT è BEN DIVERSA. Alla faccia dell'italianit , i venti cavalieri che hanno privatizzato la ex-Compagnia di Bandiera, proseguono il processo di smantellamento e delocalizzazione,desertificando ciò che resta dell'Alitalia, pur di "fare spazio" alle attivit che i francesi, unici papabili acquirenti di CAI, pretendono di continuare a far svolgere oltralpe o dove meglio credono!

FERMIAMIAMO IL SACCHEGGIO DEL NOSTRO FUTURO! SERVE UN PIANO CHE, PUR RILANCIANDO L'ALLEANZA CON ALTRI VETTORI EUROPEI, NON TRASFORMI L'ALITALIA IN TERRENO DI SCORRIBANDE INDUSTRIALI di chi, con la pretesa di mettere le mani sul ricco mercato del trasporto aereo italiano, esige di non lasciare scampo al futuro dell'intera categoria!

La Cub-Trasporti rigetta con determinazione la decisione aziendale di dismettere un altro settore della DMO (l'ennesimo dopo la recente chiusura delle Officine Componenti): una operazione, peraltro, che a breve avr ripercussioni occupazionali anche in altri settori delle manutenzioni, come, ad esempio, quello della verniciatura, elettrico e del laboratorio metrologico.

L'annunciata ricollocazione dei lavoratori è un bluff che sposta il problema in altri settori e in altri tempi, generando solo una momentanea illusione di salvaguardia dei posti di lavoro: la solitapensata per tacitare il dissenso e "mettere al riparo" le OO.SS. che hanno gi dato l'ennesimo disco verde all'intera operazione di ulteriore dismissione.

È peraltro evidente che se l'azienda non rilancia i propri settori e/oriapre quelli gi chiusi, lo spazio per garantire nel tempo l'occupazione dei circa80 lavoratori non esiste. Senza contare il disastro professionale che si sta compiendo mandando al macero il know-how acquisito e reimpiegando gli operai delle manutenzioni in altre attivit come al Ground, ove da anni centinaia di lavoratori aspettano una stabilizzazione che verr di nuovo rimandata o, addirittura, negata per sempre.

URGE UN PIANO INDUSTRIALE CHE PUNTI AL RILANCIO E ALLO SVILUPPO DELLA DMO E DELL'INTERA COMPAGNIA

La Cub-Trasporti ha gi attivato la II fase delle procedure di raffreddamento e presto si terr un altro incontro con la dirigenza CAI in Prefettura di Roma: in mancanza di un ripensamento aziendale, indiremo un primo sciopero di 4 ore, avviando una mobilitazione che, coinvolgendo le "nuove" istituzioni locali e nazionali del nostro Paese, proseguir in difesa del futuro dei lavoratori dell'Area Carrelli, della DMO e della ex-Compagnia di Bandiera.

Può darsi che non Siate Responsabili delle situazione in cui Vi trovateÔǪ
ma lo diventerete se non fate nulla per Cambiarla [Martin Luther King]
ALZIAMO LA TESTA ORGANIZZIAMOCI DIVENTIAMO PADRONI DEL NOSTO DESTINO
Fiumicino 27.03.13 C.U.B. Trasporti Fco

Cub_t r a spor t i@l ibe r o. i t - www.cub.it - www. c ub- t r a sp or t i - f c o. i t - www.cubvideo.it

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/13_aprile_5/alitalia-smantella-altro-pezzo-fiumicino-212495784352.shtml

FaceBook