Governo, e di conseguenza il MIUR, si sottraggono ancora una volta alle loro responsabilità e, in questa maniera, negano i diritti dei diplomati magistrali. Proposte nuove iniziative di lotta.

A
Anief
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Cobas Scuola
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
SGB Scuola
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Unicobas Scuola
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
USB Scuola
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

A tutti i coordinamenti dei diplomati magistrali

Care colleghe, cari colleghi,
chi, come chi scrive, ha avuto il dubbio privilegio di partecipare all'incontro con il MIUR che si è svolto ieri ha avuto modo di constatare con assolta certezza che il governo, accampando la ridicola motivazione che si dovrebbe attendere il parere dell'Avvocatura dello Stato, per prendere provvedimenti nel merito della gravissima situazione delle colleghe e dei colleghi diplomati magistrali, intende lasciare in eredità al prossimo governo il contenzioso.
E' un comportamento gravissimo e irresponsabili, dopo aver lasciato marcire la situazione per anni, dopo aver delegato alla magistratura decisioni che, per la loro stessa natura, sono in capo al governo ed al parlamento della repubblica, il governo, e di conseguenza il MIUR, si sottraggono ancora una volta alle loro responsabilità e, in questa maniera, negano i diritti dei diplomati magistrali.
Riteniamo, di conseguenza, necessario dare in tempi stretti una risposta chiara, visibile, unitaria, ampia.
E' assolutamente evidente che lo sciopero degli scrutini già indetto da ANIEF ed al quale la CUB Scuola per tenere unito il fronte ha aderito, non è sufficiente.
Proponiamo, di conseguenza, ad ANIEF che ha fatto l'indizione di concentrare la mobilitazione in due giorni, ipotizziamo il 7 e l'8 febbraio, in modo da dare allo sciopero caratteri di massa e di dar vita, nelle forme che potremo concordare a mobilitazioni di piazza ampie e combattive.
Certi che si troverà una soluzione unitaria.

per la CUB Scuola

Cosimo Scarinzi

Torino, 18 gennaio 2018

 






FaceBook