La Cub-Sanità invita le organizzazioni della CUB a sostenere la lotta dei lavoratori dell’ospedale San Paolo per il reintegro dei 2 lavoratori ingiustamente licenziati e per l'immediato ritiro dei provvedimenti disciplinari.



L'Amministrazione leghista insediatasi al San Paolo nel 2011 invece che occuparsi dei veri problemi dell'Ospedale o di verificare e impedire quanto agisce a discapito degli interessi degli ammalati e dei cittadini del territorio “padano” licenzia e inquisisce gli esponenti sindacali che parlano chiaro e che da tempo si battono per i diritti dei lavoratori ma anche dei cittadini per garantire loro (contrariamente a quanto fanno i nostri politici tutti) un diritto alla salute universale, pubblico e gratuito.
Al San Paolo sono infatti stati licenziati senza ragione alcuna e in tronco, 2 lavoratori che vi operano da oltre 20 anni e avviati procedimenti disciplinari contro 2 delegati rei solo di aver organizzato una giusta e doverosa lotta a loro sostegno.
L'Amministrazione del S. Paolo invece che occuparsi della mancanza di personale e/o di verificare la qualità del servizio negli appalti  mira a disfarsi dei sindacalisti scomodi, lasciandoli licenziati a casa e avviando commissioni disciplinari.
Al S. Paolo invece che discutere con lavoratori e sindacato per dare il giusto peso a quanto accaduto l'Amministrazione calca la mano e viene così da chiedersi cosa, chi e quali interessi intende difendere oggi questa Direzione col proprio atteggiamento bellicoso e intimidatorio? Che lotta intende prevenire sul domani ?
Quale è il destino di questo Ospedale Pubblico, dei lavoratori e gli ammalati ?
Questa arroganza e strapotere sono concessi alla Direzione del S. Paolo da un clima generale nel Paese che mira a demolire il Servizio Sanitàrio Pubblico favorendo il “busines del privato”, nel mentre cgil, cisl, uil & l'ugl, chiudono gli occhi di comune accordo con quasi tutte le sigle autonome, corporative ma … anche altri.
Ma opporsi a questo devastante stato delle cose, si deve … e ancora si può.    
La CUB Sanità’ ri-lancia l’appello ai Cittadini, ai Lavoratori e a chi ci sta: unirsi nella lotta per la difesa dei diritti di tutti nel Settore !

Milano 11 8 2014

CUB Sanità

 

***************************************************************

 


AL SAN PAOLO TUTTI CON RAFFAELE

PER AFFERMARE NEI FATTI LA DIGNITA DEL LAVORO CONTRO I LICENZIAMENTI GRATUITI CHE COLPISCONO PERFINO I COLLEGHI INVALIDI!
PER DIRE NO ALLA VIOLENZA DISCIPLINARE UTILIZZATA NEI CO FRO TI DI DUE DELEGATI USI SCESI IN LOTTA IL 21 MAGGIO CONTRO I LICENZIAMENTI E L'UTILIZ­ZO DEL LAVORO INTERINAlE PER TENERE IN PIEDI CON LA FORZA OSPEDALI E SER­VIZI SANITARI SENZA PERSONALE!

Difendiamo nei fatti i/LAVORO di cui parla la Costituzione ora non a caso sotto attacco! Interi re­parti ospedalieri sono stati chiusi al San Paolo, gli introiti sono perciò calati di ben 3 milioni e il ser­vizio pubblico reso cala giorno dopo giorno in un ospedale diventato ormai asfittico e retto con la violenza di chi allestisce tribunali speciali a raffica per distrarre centinaia di lavoratori dalla reale si­tuazione.
Contratti bloccati da un quinquennio, stipendi all'osso, lavoratori sempre più anziani e accordi sin­dacali spariti insieme a pezzi di salario alla voce incentivazione! Questa è la realtà, e questo è il vero tribunale da allestire nei confronti di una classe dirigente che ha fallito miseramente e che somiglia fin troppo a quella che nel palazzo ripristina l'immunità per se e per i suoi amici!

Il SINDACATO NON È UNA MUTA DECORAZIONE PER ABBELLIRE lE MACERIE OEl SERVIZIO SA­NITARIO NAZIONALE MA DEVE BATTERSI PER L'OCCUPAZIONE E GLI INTERESSI DEI LAVORATORI!
DA LUNEDì 11 AGOSTO RAFFAelE SCENDERÀ IN SCIOPERO DELLA FAME NEI PRESSI DElLA SEDE SINDACALE OSPEDALIERA IN VISTA DelLA PRIMA UDIENZA DAVANTI AL GIUDICE DEL LAVORO DEL 19 AGOSTO. SAREMO CON LUI E CON I DelEGATI SOTTO ATTACCO!

A sostegno di Raffaele un presidio permanente a oltranza organizzato dalle forze sindacali promotrici con iniziative, dibattiti e incontri. Continuerà la raccolta di firme contro i licenzia­menti e l'utilizzo inconsulto dell'arma disciplinare (sono già centinaia le firme raccolte) ma so­prattutto si parlerà di lavoro e un futuro che ci nascondono sotto ricatti bugie e false promesse!

Milano, 9/08/14

UNIONE SINDACALE ITALIANA
USI SANITÀ OSPEDALE SAN PAOLO

 

FaceBook