Si va a elezioni ma la polizia locale non deve essere usata a scopi elettorali !  In presenza di una cronica carenza di personale al comando di Polizia Locale del Comune di Montecchio si moltiplicano gli eventi, i divieti, i diktat, in spregio alle regole che impongono il dovuto riposo per il recupero psico-fisico dell'operatore di Polizia Locale.


La Sindaca di Montecchio Maggiore sta usando per scopi elettorali - propagandistici il personale di polizia locale del Comando in spregio a tutte le segnalazioni fatte dalla CUB di Vicenza e dai delegati sindacali.
Il rispetto delle 11 ore di riposo consecutivo, ad esempio, è un principio basilare che viene spesso calpestato, così come i repentini cambi turno, la cancellazione delle ferie già programmate: la normativa sulla sicurezza nei posti di lavoro viene violata sotto vari aspetti; abbiamo denunciato l'assenza di valutazione dei rischi dovuti a stress da lavoro correlato, inoltre non è mai stato chiarito a quali rischi va incontro il personale che per ore staziona alle intemperie, al freddo, al caldo, spesso senza il supporto della centrale operativa.
Al Comune di Montecchio Maggiore, per far credere ai cittadini che si tutela la loro sicurezza, sono violate costantemente le basilari norme che tutelano la salute dell'operatore di Polizia Locale, il quale se non riposa adeguatamente, se presenta dei segnali di stress da lavoro correlato, se non riesce mai a far conciliare i tempi lavoro con i tempi che devono essere dedicati alla famiglia al tempo libero, scoppia, si ammala, non offre una prestazione in totale sicurezza e si vede costretto a chiedere trasferimento in altri comuni, verso altri comandi di PL.
Il personale di Polizia Locale è stato assunto come impiegato amministrativo e non può in alcun modo sostituire le forze dell’ordine: non ci sono tutele nè economiche nè previdenziali nè assicurative; gli agenti sono utilizzati nei territori per la sicurezza dei cittadini, con una disparità enorme di trattamento rispetto alle forze dell’ordine.
Alla richiesta di sciogliere alcune difficoltà nel comparto polizia locale il primo cittadino- recentemente chiudendo la porta in faccia agli agenti- tuonava “se non vi va bene, cambiate lavoro”- dimostrando la mancanza di rispetto della professione di PL e l'indisponibilità a proposte di miglioramento delle attività nell’interesse stesso dell’ente e dei cittadini.

La CUB è sul piede di guerra: basta turni dopo mezzanotte perchè non ci sono operatori PL a sufficienza, per dare la giusta rotazione al personale e per consentire il recupero psico fisico degli agenti. Basta con le pattuglie serali e notturne in presenza di amministratori o consiglieri comunali, che assieme all'agente vedono e controllano i documenti dei cittadini, divenendo potenziale pericolo per sè e per gli operatori di PL stessi.
La CUB ha già inviato varie segnalazioni al Sindaco, allo Spisal e al Prefetto di Vicenza: in mancanza di risposte si riserva di dichiarare lo stato di agitazione del personale del Comando di Polizia Locale con iniziative di sciopero e di protesta pubbliche.

CUB VIcenza
via Napoli 62
telefono 0444 546725


     Polizia-locale-Montecchio-Vi.pdf

 

 

FaceBook