ORGANIZZARSI E RICONQUISTARE LAVORO SALARIO DIRITTI CONDIZIONI DEMOCRAZIA
Decenni di politiche governative, possibili solo perché accompagnate da sindacati complici, hanno attraversato anche il Pubblico Impiego smantellando i servizi e riducendo i Lavoratori nelle condizioni attuali.


Centinaia di migliaia di posti di lavoro persi, altrettanti nei prossimi anni, precariato, niente turn over ed assunzioni, l’età media dei dipendenti più alta d’Europa, tagli generalizzati a diritti e condizioni ed una crisi salariale senza precedenti.
Di fronte a questo quadro, dopo quasi 10 anni di assenza, stanno invece concordando un nuovo contratto lacrime e sangue.
Senza arretrati, con un’autentica elemosina di aumento per i Lavoratori ma soldi e nuovi fondi assistenziali ai sindacati, valutazione e discrezionalità per tutti fino ai licenziamenti, insieme a nuovi tagli su malattia, assistenza e condizioni in generale.
E lo scippo del vostro Tfr in
favore dei fondi pensione sindacali.

Il Tur, l’accordo del 10 gennaio 2014, insieme a quello del 5 aprile 2016 ed al nuovo CCNQ del 29 luglio di quest’anno, mettono la parola fine a qualunque ruolo sindacale da parte delle organizzazioni firmatarie, da Cgil Cisl Uil fino agli autonomi ed a Cobas ed Usb, scippando ai lavoratori anche qualunque diritto democratico all’interno dei luoghi di lavoro. Da quello di
assemblea fino allo sciopero, a quello anche solo di libera associazione e protesta.

E’ necessario organizzarsi, mettere insieme le Organizzazioni sindacali conflittuali e tutti i Lavoratori che stanno soffrendo queste condizioni, costruire il sindacato che si ponga la prospettiva di rivendicare gli interessi ed i bisogni della classe lavoratrice, anche nel Pubblico Impiego.
Lo Sciopero Generale del 27 ottobre, che per questo ha visto ancora una volta insieme Sgb, Cub ed altre organizzazioni di base, è stato un nuovo passo importante in questo percorso.
Adesso, Sgb e Cub lanciano l’Assemblea Generale del Pubblico Impiego, aperta ed insieme a tutte le energie, le organizzazioni, i gruppi, i movimenti e soprattutto i Lavoratori, stanchi di subire, che non si riconoscono nella complicità sindacale e che vogliono rivendicare salario, lavoro, condizioni, diritti, dignità e democrazia.
In arrivo le elezioni Rsu, appuntamento ed occasione a questo punto fondamentale per una svolta, riorganizzarsi, rivendicare e costruire.

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PUBBLICO IMPIEGO
Bologna, 2 Dicembre. Ore 10. Centro Katia Bertasi, v. Fioravanti 22
Info - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  051 385932
Info - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  02 70631804

17 novembre 2017

CUB-Pubblico Impiego
Sindacato Generale di Base

FaceBook