Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Roma, 23 aprile 2013
Firmato il terzo decreto in favore dei salvaguardati. Acquisiti i pareri delle commissioni parlamentari competenti, come previsto dalla Legge di stabilità , il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Elsa Fornero, ha firmato, d'intesa con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, ...

il terzo decreto in favore dei lavoratori salvaguardati, ai quali verr applicata la precedente normativa in materia di requisiti e decorrenze del trattamento pensionistico. Il decreto prevede, in particolare, la salvaguardia per un numero complessivo di 10.130 lavoratori, che si aggiungono alle platee di lavoratori gi individuati dai precedenti due decreti. Il decreto è stato inviato, per la registrazione, alla Corte dei Conti.

Come si vede si va avanti a pezzettini e non c'èè nulla di scontato. Risolvere in modo definitivo il problema esodati e mobilitati necessita una modifica della legge sulle pensioni.

Vedremo cosa combiner il prossimo governo.

Nel messaggio 6645 allegato che riguarda i lavoratori dimessi tramite accordi individuali o collettivi, l'Inps chiarisce che coloro che hanno presentato domanda all'interno dei 65.000, anche se non sono stati inseriti nell'elenco dei beneficiari della deroga, non dovranno ripresentarla per i successivi 55.000,

Per la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale occorre attendere la registrazione da parte della Corte dei Conti (a fine giugno ?)
Sotto il comunicato stampa della Fornero che però non si dice se e come è stato modificato il decreto come chiesto con il parere espresso dalle commissioni speciali - ad esempio per i CV = aver lavorato dopo il 6.12.2011 e NON dopo autorizzazione.

CUB Legnano


Share this post
FaceBook