ALLCA-CUB - NOVACETA: Il tira e molla tra UniCredit e azienda acquirente NON fa bene ai lavoratori oramai sulla soglia della povertà da tre anni visto lo scarso assegno della cassa integrazione

 

PRENDI IL VOLANTINO .zip

NOVACETA:  Tira e Molla tra UniCredit e acquirente, ma di mezzo c’è il futuro degli operai

Novaceta, azienda leader nel mondo per la produzione di fibra di acetato di cellulosa, attualmente in procedura fallimentare, ha trovato un acquirente disposto ad assumere tutti i lavoratori (170), attualmente in cassa integrazione e a rilanciare la produzione con un piano complesso in cui trova parte anche la produzione di energia da olio vegetale.
Attualmente le trattative tra Unicredit e Avalon (acquirente) sono in corso, ma ci sono ancora alcuni ostacoli e rallentamenti, come ad esempio le perizie sulle bonifiche necessarie ad una azienda chimica che ha passato metà del secolo scorso in produzioni di varia natura (ex SNIA) e ha ancora parecchio amianto da smaltire.
Proprio sui costi di bonifica ci sono dei disaccordi poiché Unicredit ritiene “eccessivi” i costi e quindi a sua volta farà una controperizia .

Su questo palleggiare di perizie e controperizie di mezzo ci stanno i lavoratori, invitiamo sia UniCredit che Avalon a stringere i tempi, operai che vogliono riprendere il lavoro e con esso la dignità, oltre al fatto che vivono oramai sulla soglia della povertà da tre anni visto lo scarso assegno della cassa integrazione!  

Milano 31 Maggio 2011

A.L.L.C.A. (Associazione Lavoratrici e Lavoratori Chimici-Affini)

Confederazione Unitaria di Base
20131 Milano - V.le Lombardia, 20
Tel. 02/70631804 - Fax 02/70602409
www.cub.it   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

FaceBook