Divisione informatica Alitalia (DSR):

ALTISSIMA LA PARTECIPAZIONE  DEI LAVORATORI ALLO SCIOPERO INDETTO CONTRO GLI ESUBERI E LE DISMISSIONI 

LA C.U.B. TRASPORTI PROSEGUE LA MOBILITAZIONE - NOTEVOLE LA PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE INDETTA DAVANTI AL MINISTERO DEI TRASPORTI

SULLO SMEMBRAMENTO DELL’ALITALIA - ANCORA IMMOBILI GLI ALTRI SINDACATI

Massiccia è stata
l’adesione dei lavoratori della divisione informatica dell’Alitalia allo sciopero indetto il 5 Novembre 2003 dalla C.U.B. TRASPORTI contro il piano di esuberi, smembramento, dismissioni, terziarizzazioni/societàarizzazioni, privatizzazione, sacrifici e licenziamenti, contro la precarizzazione del rapporto di lavoro e contro il piano di smembramento e liquidazione dell’intera categoria.

Notevole anche
la partecipazione dei lavoratori alla Manifestazione che si è tenuta davanti al Ministero dei Trasporti per protestare contro tale il Piano che il management Alitalia vuole attuare colpendo in ogni settore i lavoratori della Compagnia. Un Piano che pretende di “snellire” l’azienda espellendo dalla Compagnia oltre 3000 lavoratori!

Determinata la volontà
dei lavoratori che hanno protestato compatti contro il progetto aziendale di dismissioni. Un piano che, insieme agli esuberi individuati,  mette a repentaglio il futuro occupazionale e le condizioni salariali e normative dei dipendenti. 
Ancora una volta, dopo lo sciopero del 18 Settembre u.s. indetto sempre dalla C.U.B. TRASPORTI, i lavoratori della divisione informatica AZ, si sono espressi con fermezza contro un disegno aziendale pericoloso, scellerato ed ingiustificabile. 

Lo sciopero dei lavoratori della DSR è riuscito sia a Roma che a Napoli dove è ubicato un settore della divisione informatica AZ.

L’adesione dei lavoratori di Napoli è stata favorita anche dalla decisione del delegato nella DSR del Sult di Napoli di aderire allo sciopero indetto dalla C.U.B. Trasporti. Una decisione che, purtroppo, non è stata seguita né dal Sult a Roma né dagli altri sindacati.

Una delegazione
di lavoratori è stata ricevuta al Ministero dei Trasporti. Nell’incontro il capo gabinetto del viceministro Tassone, a nome e per conto del Governo, ha riferito ai lavoratori la necessità per le istituzioni e per il Governo stesso di approfondire la conoscenza del Piano presentato dal management.

Intanto la C.U.B. TRASPORTI, proseguirà le iniziative per respingere tale scellerato Piano che continua a costituire una gravissima minaccia per l’intera categoria.  

Dopo l’incontro
della C.U.B. TRASPORTI previsto per oggi al Ministero dei Trasporti informeremo i lavoratori sull’esito del confronto.

Roma 6 nov 2003

                                    CUB Trasporti

FaceBook