TVR Italia:  Formigoni ci dica se è una societàà attendibile e affidabile

 Dall’insediamento di Tvr dovrebbe scaturire la più rilevante ricaduta occupazionale dell’intero progetto della Regione.

I dubbi sono tanti. Se ce li tolgono è meglio. Uno su tutti?  Alcuni personaggi di TVR sono coinvolti nel fallimento della CT attrezzature di Cornaredo.

“TVR Italia è sicuramente una societàà attendibile e affidabile?
La FlmUniti-Cub ha inviato una lettera giovedì 21 luglio al Presidente Formigoni  per chiedere una conferma.

Tvr Italia  si è impegnata a costituire ad Arese un’azienda per assemblare vetture sportive e per la ricerca, progettazione e costruzione di motori a basso impatto ambientale. Dall’insediamento di Tvr dovrebbe scaturire la più rilevante ricaduta occupazionale dell’intero progetto della Regione.
Per l’insediamento ad Arese Tvr Italia accederà ai finanziamenti pubblici, previsti per l’area di Arese e gestiti da Sviluppo Italia, oltre che ai finanziamenti della Regione Lombardia. Al momento però non siamo a conoscenza del piano industriale dettagliato della Tvr Italia.

Vogliamo chiarimenti sulla TVR

Tvr Italia,  terminata la selezione dei lavoratori,  dovrà fornire all’Agenzia Regionale per l’impiego nell’incontro del 28 luglio i nominativi di 115 lavoratori che intende assumere, previo corso di formazione.Ma noi prima vorremmo avere dei chiarimenti su TVR, i dubbi sono tanti e in ballo ci sono il futuro di centinaia di lavoratori e l’effettiva realizzabilità di un progetto importante. Venerdì scorso il problema era già stato sollevato durante l’incontro presso l’Agenzia regionale per l’impiego ma i responsabili si erano alzati e se ne erano andati. (ndr. la cosa ci ha insospettiti)

La Cub è venuta a conoscenza del fatto che alcuni dipendenti e/o amministratori TVR figurano essere coinvolti  nella gestione industriale ed amministrativa non certo esemplare della CT attrezzature di Cornaredo; ecco la breve cronistoria dell’accaduto:

  • Il 2 dicembre 2003 la CT attrezzature meccaniche Srl subentra alla FGR  Radaelli Srl di Cornaredo.
  • Dal  giugno 2004 il vicepresidente della CT è la stessa persona che  partecipa agli incontri in Regione per conto della  TVR  e che ha fatto i colloqui con i lavoratori in Cigs dell’Alfa.
  • Nel 2004 la CT presenta un piano di rilancio e di investimenti per il 2004 e 2005.
  • Il 22 febbraio 2005 la CT apre la procedura di mobilità per tutti i dipendenti per cessazione della attività. I lavoratori vengono licenziati a partire da aprile 2005.
  • Gli accordi non sono rispettati, ad oggi i dipendenti Ct non hanno avuto ne il Tfr ne gli stipendi.
  • Il 5 luglio 2005 i 12 dipendenti Ct si rivolgono al tribunale di Milano con istanza fallimentare.

Inoltre sul sito internet della Tvr Italia sono indicati dei siti Internet di Aziende denominate Feelink Partners  tra le quali figura una azienda di “accompagnatrici”con tanto di foto.                                        Infine da visura  camerale della camera di Commercio di Milano si evidenzia che la Tvr ha sede a Canosa di Puglia (Ba) e non a Cremona come dichiarato in tutte le sedi.

Riteniamo fondamentale che la Regione Lombardia, garante degli accordi sottoscritti per l’area di Arese, fornisca chiarimenti su Tvr Italia, necessari affinché non si ripetano vicende come quelle della CT, dove i lavoratori vengono assunti e licenziati nel giro di quattordici mesi”.

Arese 21-7-2005
FLM UNITI CUB ARESE

FaceBook