Powertrain: accordo per il rinnovo della Cigs. 1950 euro a carico dell’azienda. Tutti i lavoratori rientreranno ad Arese o a Pregnana


Mercoledì ì 27 settembre è stato raggiunto l’accordo per la Cigs per il periodo 4/10/2006- 3/10/2007 che interessa 49 lavoratori di Powertrain.
L’accordo è stato siglato da tutti i sindacati presenti in fabbrica (FlmUniti-Cub, Slai-Cobas e Fim-Fiom-Uilm-)

L’accordo prevede:
· I lavoratori rientreranno, entro il periodo di Cigs, ad Arese presso gli enti centrali Powertrain e presso l’Iveco di Pregnana.
· Potranno essere collocati, solo su base volontaria, anche in altri stabilimenti Powertrain.
· Ai lavoratori verrà corrisposto un anticipo aggiuntivo delle spettanze di fine rapporto di 1.950 € in tre trance (650 a dicembre 2006, 650 a marzo 2007 e 650 a giugno 2007). Inoltre i lavoratori non avranno nessuna decurtazione della indennità di Cigs.
· Nel mese di marzo 2007 ci sarà una verifica sull’avanzamento del piano di ricollocazione dei lavoratori.
· Ai lavoratori che rassegneranno le dimissioni sarà corrisposto a titolo di incentivo un importo lordo di 25.000 euro
Un giudizio positivo.
Giudichiamo positivamente questo accordo che abbiamo tenacemente perseguito da alcuni mesi perché viene accolto il percorso di rientri e le proposte di ricollocazione da noi avanzate. In questo ambito la Cigs è utilizzata come strumento per consentire  la ricollocazione definitiva di tutti i lavoratori.
Va preso atto inoltre che con Powertrain si è instaurato un percorso di gestione che ha consentito di arrivare a questo accordo, a differenza di Fiat Auto che mantiene un inaccettabile atteggiamento di chiusura rispetto alla Possibilità à di rientro dalla Cigs.
Quali prospettive per Powertrain
Nel mese di ottobre Powertrain presenterà il piano industriale e con esso si capirà quale sarà il futuro di Arese e di Pregnana. Da parte nostra, continueremo a riproporre scelte di politica industriale che valorizzino le professionalità ancora esistenti e che recuperino la credibilità dell’immagine Alfa Romeo in campo motoristico.
Ciò a partire da progettazione e sperimentazione dei motori, per arrivare anche alla produzione di parti significative (testa). La flessibilità delle attuali tecnologie lo consente ampiamente.
Nel futuro il nostro obiettivo è quello di discutere di assunzioni e non più di Cigs.
Il nostro impegno, oltre che per Powertrain sarà anche rivolto alla difesa dei settori esistenti ad Arese e per i 350 lavoratori di Fiat Auto per i quali scade la Cigs a fine dicembre.

Il vero problema è il futuro di Arese.

28-9-2006

FLMUniti-Cub 

FaceBook