L'incontro di Milano mette a fuoco un vivo interesse per i temi oggetto del dibattito: il lavoro di formazione sulle discriminazioni di genere ed il lavoro di inchiesta.

Nonostante il collegamento via Skype con le compagne di Roma, Palermo e Genova presenti qualche difficoltà tecnica, partecipano una trentina di donne che provengono da diversi settori lavorativi e realtà territoriali, tutte del privato e di cooperative di servizi che lavorano nel pubblico.

Emergono questi punti di discussione:
• la scelta della donna di autodeterminarsi si scontra con l'attacco alla libertà delle donne sempre presente sui luoghi di lavoro.
• Si manifesta l'esigenza di organizzare incontri per imparare ad interagire in modo attivo, consapevole e controllato con le posizioni di potere sul posto di lavoro. Un corso sull'autocontrollo che nasce dall'autostima. Un corso su quando una donna deve opporsi (staccare la spina).
• Le ragazze precarie sono le più prese di mira dai capi, perché non si possono difendere. Tutte concordano sulla necessità di dire di NO e di darsi coraggio nel dire di NO. C'è chi chiede una maggiore conoscenza di diritti e doveri perché al lavoro hanno tutte paura e la paura indebolisce qualsiasi lotta.
• La cancellazione e il mancato aggiornamento dei mansionari nei contratti ha prodotto un graduale indebolimento di tutte le figure professionali. Le cassiere dei supermercati, come le donne nelle famiglie patriarcali, vengono infantilizzate e poi maltrattate. Stessa sorte tocca a tutte le lavoratrici prive di potere contrattuale e di competenze e le donne, anche se fanno cose importanti, restano in incognito.
Il nostro progetto é quello di costruire un filo che leghi gli incontri delle donne della CUB nelle diverse città, a partire dallo sciopero del 26 ottobre in cui ci caratterizzeremo con cartelli e di proseguire nell'organizzazione dei corsi e delle inchieste nelle aziende.

Al corteo di Milano ci troviamo alle 9,30 in p.zza Cairoli vicino al furgone della Cub per la prendere i cartelli.

p. CubDonne
Maria Quarato

FaceBook