Sono pronta a ribadire le ragioni della nostra lotta e della nostra vita. Se mi avessero dato i domiciliari non sarei comunque stata disponibile a fare la carceriera di me stessa.
Non mi sento vittima, sono consapevole di stare dalla parte giusta e rivendico ciò che ho fatto, chiedere misure alternative sarebbe stato come ammettere che avevo fatto qualcosa di sbagliato. Vale la pena affrontare anche il carcere per una battaglia giusta".
Nicoletta Dosio

 

 

 

 

 TG3 Nazionale e TGR Piemonte del 11 gennaio 2020


 

LINK      https://www.notav.info/

 

 

FaceBook