La manifestazione indetta a Castano Primo per sabato 18 febbraio u.s., è stata rinviata non ritirata. Verrà  programmata prossimamente ad Inveruno.


Questo è quanto è stato deciso in una riunione tenutasi sabato 18 febbraio con i lavoratori che avevano organizzato con la CUB la risposta ai licenziamenti avvenuti nei giorni precedenti, sul territorio.
Si è dato merito alla disponibilità tempestiva del sindaco di Castano Primo che già sabato 14 febbraio quando si era tenuta la prima assemblea in un locale a Castano Primo, si era attivato organizzando prima un incontro per giovedì 16, tra i rappresentanti dei lavoratori e la CUB e i sindaci di Inveruno e Castano Primo e in seguito offrendosi come mediatore, al solo fine di evitare conflittualità.
Nella mattinata di venerdì 17 febbraio il sindaco di Castano Primo aveva già programmato un tavolo tra le parti dove si è giunti nel pomeriggio, ad un accordo con il ritiro dei 6 licenziamenti da parte dell’azienda situata sul territorio di Castano Primo e la sospensione della manifestazione programmata per sabato 18 febbraio.

Il tutto con una coordinata e continua informativa delle forze di polizia e carabinieri.
Diamo atto che il lavoro svolto dal sindaco di Castano Primo è stato determinante affinché un primo importante risultato sia stato raggiunto.
Ci aspettiamo dal sindaco di Inveruno la stessa determinazione, cosa che senz’altro non mancherà.
Nei prossimi giorni si deciderà come continuare la lotta per contrastare gli altri 5 licenziamenti illegittimi della società D.Zeta Srl di Inveruno.
Non sono escluse iniziative davanti all’azienda Conceria Stefania che affida la lavorazione delle pelli  anche alla DZeta Srl.  La stessa ha rifiutato  un incontro con la CUB, chiesto al solo fine di fare presente di fare più attenzione a chi viene affidato il lavoro affinché applichino le normative sulla sicurezza e sui diritti dei lavoratori, secondo le leggi.

20 Febbraio 2017

Confederazione Unitaria di Base
CUB VARESE
Via Pasubio, 8-Gallarate (Va)
Tel: 0331/076413
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

da "ILGIORNO" del 18 2 2017

Share this post
FaceBook