Avevano preso l’impegno di smantellare l’inceneritore nel 2020, ma ora i nuovi amministratori ci hanno ripensato: vogliono trasformarlo in un impianto di incenerimento dei fanghi provenienti da più di 60 depuratori della provincia di Milano (60.000 tonnellate di fanghi all’anno)

I fanghi sono un rifiuto tossico nocivo, contenenti metalli pesanti, cromo, diossine.
Lo smaltimento dei fanghi all'estero costa da 180 a 150 euro il quintale. Un costo molto elevato. In Italia si stanno installando diversi impianti di incenerimento fanghi perché sono diventati un affare. Ma la salute dei cittadini e i problemi climatici???

Esistono alternative all’incenerimento, ci sono impianti in grado di trattare i fanghi senza utilizzare alte temperature (per esempio l’ossidazione umida).

Come possiamo immaginare un futuro con un’aria meno inquinata e meno morti per malattie respiratorie (quest’anno a Milano si contano 600 funerali dovuti al solo inquinamento da biossido di azoto!!! Un morto ogni 15 ore!!!) se continuiamo a bruciare rifiuti?
Come possiamo immaginare un futuro senza effetto serra se continuiamo ad impegnare tecnologie che utilizzano alte temperature?

FORSE DOBBIAMO SMETTERLA DI BRUCIARE, BRUCIARE, BRUCIARE FORSE DOBBIAMO UTILIZZARE LA TECNOLOGIA IN UN MODO DIVERSO
Invitiamo tutti i Consigli degli inquilini (case comunali, case Aler e case in condominio) ad occuparsi della questione, ne va della nostra salute e della salute generale del globo.

UNIONE INQUILINI
Via F.lli Bandiera 200
Sesto San Giovanni

Scarica il comunicato in formato pdf

FaceBook