Le cronache di questi giorni hanno dato ampio spazio al ricatto dell'aziendasvedese Electrolux, che ha chiesto agli operai di dimezzarsi gli stipendi per nonportare all'estero la produzione. Ma meccanismi di ricatto e scambio traoccupazione e tagli salariali si stanno riproponendo anche nel nostro settore.


Banca Monte Parma era stata portata al collasso dal suo management e
"salvata" dal Gruppo Intesa Sanpaolo, ma con un accordo capestro che, per
due anni, riduceva le condizioni normative e salariali dei dipendenti.
Ora, in sede di verifica dell'accordo in scadenza, che prevedeva il ritorno alla
"normalit" e l'integrazione di BMP nel gruppo, l'azienda si presentata
lamentando il perdurare di difficolt reddituali e la necessit di ridurre
ulteriormente il costo del lavoro o con la proroga dell'accordo penalizzante o
con la dichiarazione di 50 esuberi.
La vicenda emblematica della ferocia con cui il management bancario
pronto ad accanirsi contro poche centinaia di lavoratori (in un gruppo di decine
di migliaia sono meno dell'1% della forza lavoro complessiva)
continuando a mantenerle in una sorta di limbo pur di ottenere una manciata
di miserabili risparmi.
Stiamo parlando di un gruppo che ha da poco ottenuto le dimissioni del Ceo
Cucchiani garantendogli non solo una ricca liquidazione, ma anche la
permanenza per sei mesi nella carica di Direttore Generale (con relativa lauta
retribuzione) Perché sei mesi erano quanto gli mancava per agganciare il
diritto alla pensione: evidentemente la fine del posto fisso riguarda solo i
comuni mortali!!
È solo di pochi giorni fa un'intervista del nuovo Ceo, Messina, che garantiva
che il prossimo piano industriale non avrebbe previsto esuberi. Invece
l'argomento, nel caso di BMP, viene strumentalmente brandito come ricatto per
ottenere i risparmi desiderati, essendo, evidentemente, del tutto inesistenti le
presunte eccedenze di personale.
Troppo spesso i grandi gruppi bancari si riempiono la bocca di parole come
codice etico e responsabilità à sociale d'impresa. Se Intesa Sanpaolo
rester sulle sue posizioni avremmo l'ennesima dimostrazione che si tratta solo
di chiacchiere ipocrite e che i lavoratori devono svegliarsi per tornare a lottare
e difendere diritti che, un pezzo per volta, stiamo progressivamente perdendo.


Torino 5-2-2014

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Gruppo Unicredit

www.sallcacub.org Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.facebook.com/SALLCACUB

Sede Legale: Milano - Viale Lombardia 20; tel. 02/70631804; fax 02/70602409
Sede Operativa: Torino - Corso Marconi 34 tel. 011/655897 fax 011-7600582

 

 

FaceBook