Figure istituzionali di m.....
Mentre agli agenti di PL è stata tolta perfino l'acqua calda per lavarsi le mani dopo una giornata di lavoro sulla strada, spesso a soccorrere feriti o vittime di incidenti, mentre c'è chi rischia la vita o viene sfigurato da delinquenti perchè mandato allo sbaraglio a pattugliare l'impossibile, c'è chi sguazza nei propri privilegi.


Invitiamo i lavoratori del comando di P.L. di VIcenza a farsi sentire, in particolare i lavoratori che sono su strada dalla mattina alla sera, che sono tenuti all'oscuro di tutto, che non hanno una casella di posta istituzionale come tutti i loro colleghi interni, che non possono godere dei privilegi economici ed istituzionali del comandante e della politica che ci governa.
Fatevi sentire: se c'è qualcuno che deve avere paura sono proprio loro...i dirigenti da sempre protetti dalla politica, che cambiano colore a seconda della politica.
La vostra dignità professionale va salvaguardata, la peculiarità delle vostre funzioni vanno sostenute e incoraggiate.
Uscite allo scoperto, fate massa critica assieme a tutti gli altri lavoratori del comune: questo sistema va rovesciato, chi lavora in modo onesto non deve avere paura di questa casta sempre più autoreferenziata e arrogante nel gestire il suo potere.
Non lasciamo che sia Striscia la Notizia a smascherarli: usciamo allo scoperto, rovesciare questo sistema si può e si deve.

CUB Pubblico Impiego Vicenza
Via Napoli 62
0444 546725 cell. 340 9240822

 


http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/991035_vicenza_il_capo_dei_vigili_senza_pi_il_pass_per_la_ztl/?refresh_ce#scroll=513




IL CASO. Ieri il comandante Rosini ha restituito il documento per l´accesso al centro città dopo il servizio mandato in onda da Striscia la notizia. Imbarazzo in Comune
Il capo dei vigili senza più il pass per la Ztl

Aveva dichiarato al tg satirico di entrare «solo per motivi istituzionali», ma è stato ripreso con la moglie e anche con i figli

«Utilizzo il permesso per entrare nella Zona a traffico limitato, che ho ricevuto per motivi istituzionali, sempre e solo per motivi istituzionali», ha precisato il comandante Cristiano Rosini al microfono di Moreno Morello. «Per verificare le situazioni di traffico?», incalza l´inviato del tg satirico. «Sì, per il traffico. Per questo unico motivo». Peccato che nelle immagini mandate in onda poco prima il Suv Volvo di Rosini venisse ripreso mentre - per tre volte - accompagna i figli a scuola, o per portare la moglie in centro città a fare compere.
Ieri mattina, Rosini ha restituito il pass Ztl che aveva ricevuto 8 anni fa. Lo ha fatto dopo che il servizio mandato in onda giovedì sera da “Striscia la Notizia” su canale 5 ha provocato imbarazzo e amarezza in Comune per tutta la vicenda. Non è escluso che qualche malumore a palazzo Trissino derivasse anche dalle dichiarazioni del comandante della polizia locale, che ha accettato di parlare con Morello, ma che risposto difendendosi come sulla linea del Piave, senza cedere alle provocazioni dell´inviato. «Qualche amnesia il comandante ce l´ha», ha suggerito Morello.
Il quale, prima di correre al comando, aveva cercato di fermare il Suv in piazzale del Mutilato: sapeva che di lì sarebbe passato Rosini, che però non ha accostato ma ha tirato dritto. Come faceva a sapere che lì sarebbe transitato il Suv? Semplice: Rosini percorre quella strada, per sua ammissione, da 8 anni: «per motivi istituzionali».
Alla troupe di Striscia la “dritta” era arrivata dal vicentino Andrea Chilese, che sottolinea: «Ho contattato il tg satirico come privato cittadino per segnalare quella che per me è un´anomalia. Altri cittadini dovrebbero segnalare episodi come questi. Poi sono le autorità eventualmente a compiere le indagini o le verifiche necessarie», ha riferito dopo aver incontrato l´assessore alla Sicurezza.
Ieri, per sopire le polemiche, il comandante dei vigili ha restituito il suo pass agli uffici municipali, e la targa del suo Suv è stata eliminata dall´elenco di quelle autorizzate al transito: Rosini abita fuori dalla Ztl, e anche il comando di contrà Soccorso Soccorsetto è all´esterno dell´area a traffico limitato. Una circostanza, quella della restituzione, che però qualche dubbio lo lascia: ma perchè sono cessati, adesso, dopo il servizio di canale 5, «i motivi istituzionali» o la necessità di «verificare le situazioni di traffico»?
Intanto, ieri sulla questione è intervenuta Maria Teresa Turetta, del sindacato Cub pubblico impiego di Vicenza. «Ecco come certa dirigenza difende l´immagine istituzionale del Comune di Vicenza - scrive la rappresentante di base -. Mentre agli agenti è stata tolta perfino l´acqua calda per lavarsi le mani dopo una giornata di lavoro sulla strada, mentre c´è chi rischia la vita o viene sfigurato da delinquenti perchè mandato allo sbaraglio a pattugliare l´impossibile, c´è chi sguazza nei propri privilegi. Invitiamo i lavoratori a farsi sentire», precisa Turetta: «Non dovete avere paura dei dirigenti, non dovete lasciare che sia Striscia la notizia a smascherare certi comportamenti». 



FaceBook