Continua la lotta dei lavoratori dell'ALCOA di Portovesme. Di ritorno dall'ennesimo incontro al MISE di Roma i lavoratori occupano prima il traghetto e di seguito presidiano la Prefettura. Incontro in Regione. GLI OPERAI: NON MOLLEREMO, FAREMO UNA MANIFESTAZIONE AL GIORNO. <rassegna stampa> <<FOTO>>

 

15 settembre, 18:19

Alcoa: assemblea lavoratori, protesta non si ferma
Mercoledì i' nuovo vertice al Mise con Glencore e Regione


 (ANSA) - CAGLIARI, 15 SET - "La protesta non si ferma, da lunedì si riparte con la mobilitazione". Questa la decisione dell'assemblea dei lavoratori Alcoa di Portovesme, svoltasi in mattinata, dopo la protesta dei due sindacalisti che ieri sera sono scesi dal silos dopo l'accordo siglato fra Azienda e Sindacati per il rallentamento dello spegnimento delle celle.

Lunedi' mattina a Portovesme coordinamento dei delegati sindacali, ed a Cagliari vertice alla Regione. Mentre Mercoledì i' incontro al Mise con Glencore, che intenderebbe rilevare lo stabilimento, Regione e Provincia. (ANSA).
 

****************************************************************

<<le immagini delle lotte nella sezione FOTO del sito della CUB>>

RASSEGNA STAMPA

 Alcoa, il ministero: rallentata la chiusura. Tensione e feriti tra polizia e operai. Passera: "Non è un caso impossibile". All'incontro-fiume si è deciso lo spegnimento graduale delle celle e la sollecitazione a Klesch e Glenocore per le trattative sull'acquisto. I sindacati insoddisfatti: "Serve un tavolo a Palazzo Chigi". Gli operai: "Restiamo qui". Scontri al corteo dei lavoratori a Roma: petardi e bombe carta contro gli agenti, almeno 20 feriti.


di Redazione Il Fatto Quotidiano del 10 settembre 2012

Spegnimento più graduale delle celle con l’allungamento dei tempi della fermata dell’impianto e sollecitazione alle imprese che hanno manifestato interesse ad avviare in tempi rapidi le negoziazioni. Questi due dei punti emersi nel corso del tavolo sull’Alcoa concluso, dopo oltre 10 ore, al ministero dello Sviluppo economico. Il caso Alcoa non è impossibile, ha detto restituendo qualche speranza, il ministro Corrado Passera durante il tavolo tra azienda, sindacati e enti locali che sta andando avanti da mezzogiorno a Roma.
“Faremo molta pressione sui due gruppi che hanno manifestato interesse (Glencore e Klesch, ndr), ma lavoriamo in parallelo su tutto quello che può dare sviluppo al Sulcis”: questo l’intervento, in sintesi, di Passera, secondo quanto riferito da fonti sindacali alle agenzie. Passera alcuni giorni fa aveva detto l’esatto contrario durante la festa del Pd. Ma oggi ha spiegato anche perché la scorsa settimana si dimostrava meno ottimista.
“Questo – avrebbe detto Passera – è uno dei casi più difficili che abbiamo al ministero dello Sviluppo economico: il mio impegno personale non è mai mancato e non mancherà fino a quando sarò ministro. Non ho mai pensato che fosse un caso impossibile: quando mi è stato chiesto alla Festa del Pd, non avevamo uno straccio di manifestazione di interesse. Mi impegnerò a trovare soluzioni per questo pezzo importante” dell’imprenditoria italiana, “ma dobbiamo lavorare tutti insieme in parallelo sul piano Sulcis“.
L’Alcoa e i sindacati in particolare starebbero ragionando, con la mediazione del governo, su un rallentamento della procedura di spegnimento dello stabilimento di Portovesme. La conclusione della procedura di spegnimento slitterebbe quindi dal 7 al 15 ottobre. Prosegue intanto la mobilitazione dei dipendenti sotto la sede del Ministero, anche se il numero dei partecipanti appare ridotto rispetto a stamani: il rumore di fischietti e petardi, in ogni caso, prosegue incessante. Oggi duri scontri avevano provocato almeno una ventina di feriti tra forze dell’ordine e operai.

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2012/09/10/corteo-alcoa-roma-alta-tensione/204672/
 

******************************************************

ARTICOLI COLLEGATI:

Nota informativa sull’attuale situazione dello Stabilimento.

********************************************************

Alcoa, traghetto occupato e blitz in Prefettura
Oggi in programma incontro Regione-Glencore


Da “unionesarda.it” del 12 09 2012
Alcoa, concluso vertice tra Glencore e Regione
societàà torinese pronta a rilevare l'impianto

 
Operai di Alcoa e forze dell'ordine, ieri, davanti alla Prefettura di Cagliari
La vertenza Alcoa non conosce pause, la trattativa procede serrata: dopo il vertice al ministero dello Sviluppo, a Villa Devoto si è concluso il tavolo tecnico tra il presidente Cappellacci, l'assessore all'industria Zedda e i rappresentanti della Portovesme srl. Nel frattempo (dopo Glencore e il gruppo americano di Gary Klesch) spunta una terza societàà interessata all'impianto. Si tratta della Kite Gen Research di Chieri (Torino), titolare di brevetti per lo sfruttamento dell'energia eolica ad alta quota.
E' durato poco più di un'ora il tavolo tecnico sull'eventuale passaggio di mano dello stabilimento Alcoa fra Regione Sardegna e Glencore nella sede di rappresentanza della presidenza della Giunta, Villa Devoto a Cagliari. All'incontro, in cui ci sono stati chiarimenti sulle infrastrutture portuali e stradali nel sito industriale di Portovesme, hanno partecipato il presidente della Regione, Ugo Cappellacci, l'assessore regionale dell'Industria, Alessandra Zedda, l'amministratore delegato della Portovesme Srl, controllata della multinazionale svizzera in Sardegna, Carlo Lolliri, e alcuni tecnici della Regione. Ora Cappellacci dovrà rendere conto al Consiglio regionale. Il confronto resterà ancora in piedi anche nei prossimi giorni. Inoltre a breve il governatore fisserà anche un incontro con Klesch, l'altra compagnia interessata ad acquistare lo stabilimento.
<<Continua>>

 ***************************************************

***************************************************

 

 

****

 

FaceBook