CUB Scuola Univarsità ricerca - IL MINISTRO PROFUMO VA ALLA FESTA DEL PD E INCONTRA I PRECARI E LA CUB Scuola - Ieri sera il Ministro della Pubblica Istruzione Francesco Profumo, ospite di un dibattito su eguaglianza, merito e scuola inclusiva, alla festa del PD torinese ha dovuto anche confrontarsi con la CUB Scuola e gli oltre 200 colleghi che hanno partecipato al presidio e lo hanno "pressato". <<VIDEO>>

 

IL VIDEO DELL'INCONTRO

IL MINISTRO PROFUMO VA ALLA FESTA DEL PD E INCONTRA I PRECARI E LA CUB
SCUOLA.

Ieri sera il Ministro della Pubblica Istruzione Francesco Profumo, ospite di un dibattito su eguaglianza, merito e scuola inclusiva, alla festa del PD torinese ha dovuto anche confrontarsi con la CUB Scuola e gli oltre 200 colleghi che hanno partecipato al presidio e lo hanno "pressato" dall'esterno e dall'interno del recinto della festa.


Molti gli interventi al dibattito, quasi tutti segnati dall'idea che la scuola debba, attraverso il merito, garantire il meglio anche al famoso figlio dell'operaio che deve poter diventare dottore. Unica significativa eccezione Domenica Chiesa del CIDI che ha sottolineato il danno causato alla qualità' dell'istruzione dalla mancata stabilizzazione del personale della scuola.
L'intervento del Ministro si è aperto col panegirico del fantomatico prossimo concorso, ne è scaturita una sonora contestazione dei precari che chiedevano come mai non si provvedesse a stabilizzare gli idonei SISS nonostante i rigidi numeri programmati che dovevano rendere la loro assunzione scontata.

Una contestazione talmente corale da indurre gli organizzatori ad invitare i colleghi a prendere la parola dal palco.

Sono quindi intervenuti due professori ex SISS che hanno spiegato come funzionavano le scuole di specializzazione e come le graduatorie siano piene di persone abilitate o con le siss o perché vincitori di concorso.

A seguire l'intervento di Giulia Bertelli, responsabile precari CUB scuola, che ha invitato il ministro ad ampliare gli organici e a dare corso alle direttive UE 97/70 sulle stabilizzazioni dopo 3 anni lavorativi e 36/05 sul riconoscimento professionale la cui applicazione avrebbe il duplice merito di porre un termine alla guerra tra precari collocati in 7 fasce differenti di graduatorie e di contribuire ad una vera soluzione del precariato.
La sindacalista si è poi soffermata sulla incredibile vicenda di Mantova, dove il direttore scolastico regionale Colosio, agendo in maniera repressiva e feudale, ha depennato dalle graduatorie di supplenza i colleghi vincitori di una causa che ha visto condannare l'amministrazione per abuso di contratti a termine.
Sui fatti di Mantova il Ministro ha riferito di non esserne a conoscenza e ha consigliato di scrivere alla Dott.ssa Stellacci; Bertelli ha sottolineato la gravita' della questione ed ha chiesto il commissariamento dell'USR Lombardia.
Altri protagonisti della serata sono stati gli insegnanti di III fascia di scuola media e superiore che chiedevano conto del TFA speciale e i maestri elementari con il diploma magistrale abilitante non riconosciuto ai quali il Ministro ha garantito che verrà' trovata una soluzione.

La CUB Scuola svilupperà con determinazione la mobilitazione per la difesa della scuola pubblica, il ritiro dei tagli, la stabilizzazione del personale precario di tutte le graduatorie.


Torino, 6 settembre 2012

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2012/09/06/parla-profumo-docenti-sindacalisti-bloccati-alla-festa-pd-torino/204484/ 

 

 

FaceBook