Fangango LibriPresentazione del libro "ASSALTO AL CIELO La classe operaia va sui tetti" di MICHELA GIACHETTA Giovedì 3 maggio alla Libreria Feltrinelli ore 18 Piazza Duomo (angolo Galleria), Milano - Intervengono: Lella Costa e Pietro Monticelli (operaio della Maflow)


Fangango Libri

 

 

presenta

ASSALTO AL CIELOLa
classe operaia va sui tetti
MICHELA GIACHETTA

Giovedì 3 maggio alla Libreria Feltrinelli ore 18,00
Piazza Duomo (angolo Galleria), Milano

Intervengono

Lella Costa
Pietro Monticelli
(operaio della Maflow)
Michela Giachetta

****     

Un viaggio attraverso l’Italia e il suo paesaggio industriale, in quel pezzo di Paese che ha dato l’assalto al cielo per non essere più invisibile. Dieci aziende, decine di occhi e di voci per raccontarle. Sono storie di inferno e purgatorio. Il paradiso no, quello non c’è.

La classe operaia non va più in paradiso.

La gravità della crisi del lavoro in atto a livello mondiale, con oltre duecento milioni di disoccupati, è da molti considerata una forte minaccia alla stabilità sociale. Il rapporto 2011 dell’Eures afferma che la disoccupazione causa un suicidio al giorno. In Italia e in tutta l’eurozona i tassi di occupazione calano costantemente e aumenta in modo preoccupante il numero dei cosiddetti Neet, giovani che non studiano e non lavorano (not in education, employment or training), sigillo di “non garanzia” del futuro per le nuove generazioni del nostro Paese. Dal 2008 la crisi economica che ha investito l’Europa ha sconquassato ogni equilibrio. Molte aziende non hanno retto e i licenziamenti sono diventati una prassi diffusa. Tanto da non fare più notizia. Come attirare l’attenzione dei media, come accendere i riflettori sulla cassa integrazione e su decisioni che i dipendenti erano e sono costretti a subire?
 
I lavoratori hanno intrapreso una forma di protesta che non era mai stata utilizzata prima: sono saliti sui tetti e sui monumenti. Un viaggio in quel pezzo di Paese che ha dato l’assalto al cielo per non essere più invisibile. Dieci aziende, decine di occhi e di voci per raccontarle. Gli occhi e le voci sono quelle dei lavoratori e delle lavoratrici della Yamaha, della Merloni, ma anche dell’Ispra, l’ente di ricerca ambientale. Uomini e donne che a cinquant’anni sono ritornati dai genitori, “il nostro vero welfare”. Citano l’articolo 1 della Costituzione e usano parole come “padrone” e “dignità”. Le loro sono storie di rinunce e di lotte, di cassa integrazione e solidarietà, di attese e presidi permanenti davanti a una fabbrica chiusa.
 
Michela Giachetta è una giornalista. È nata a Bologna nel 1978. Dopo la laurea in Giurisprudenza, si è trasferita a Roma. Ha collaborato con diverse testate. Attualmente lavora al quotidiano DNews.


Collana: Documenti
Pagine: 200
Prezzo: € 14,00
Data di pubblicazione: 1 Marzo 2012

 

FaceBook