<Gazzetta della Martesana> NOKIA SIEMENS Fumata nera per i lavoratori del settore pulizie: l'incontro del 10 novembre non ha prodotto alcun accordo. Rimandato lo sciopero per ora, ma sindacati e dipendenti proseguiranno le attività di protesta

 

«NO AL TAGLIO DEL 20 PER CENTO DELL'ORARIO E DEL SALARIO»


«La delegazione Cm Service si trincera dietro al fatto che da Nokia Siemens Network ancora non ci sono novità, né incontri fissati per rivedere il capitolato, fatto salvo per i reparti produttivi di Jabil per i quali si profila una revisione - hanno detto Angelo Pedrini e i lavoratori della Cm. Servizi Filcams-Cgil e FlaicaUniti-Cub - Giungono voci di interessamenti e verifiche in corso, ma è chiaro che un passo avanti decisivo ci potrà essere con il coinvolgimento diretto e la revisione del contratto. Le persone che frequentano il sito di Cassina sono aumentate dall'estate da 900 a 1.100. La metratura non è cambiata, ma lo sono i numeri degli addetti e delle persone che circolano nel sito. Quindi, se non rafforzato l'organico, va almeno mantenuto il monte ore lavorativo se si vuole un servizio decente e di qualità. Le direzioni non possono trincerarsi dietro le differenze tra i due capitolati o verbali di ispezione sulla qualità fatti a campione e di parte, che non tengono conto della realtà. Con il taglio di oltre il 20 per cento delle ore lavorative, e nonostante la foga delle responsabili nel cercare di completare le pulizie, ci sono e ci saranno aree non pulite regolarmente o solo superficialmente e, nel tempo, il degrado sarà inevitabile. La delegazione sindacale e i lavoratori durante l'incontro hanno ribadito la necessità di trovare un accordo conclusivo e soddisfacente con il ritorno agli orari precedenti. La direzione ha tentato di proporre modifiche parziali per tre dei cinque lavoratori che si sono visti tagliare l'orario da 8 a 4 ore giornaliere, e di circa dieci ore settimanali per gli altri. La direzione ha sbagliato per la fretta e le modalità di passaggio da un'impresa all'altra con qualche lavoratore, e non può pretendere di far accettare il taglio omogeneo per tutti in modo unilaterale. Continuiamo il confronto e le iniziative di pressione con volantinaggio al mercato, con una conferenza stampa per proporre la riunione delle strutture sindacali e delle Rsu del gruppo e un'assemblea per decidere quali iniziative preparare. Nei prossimi giorni cercheremo una soluzione positiva con il concorso di tutte le parti; per ora, quindi, lo sciopero è solo rinviato. La busta paga arriverà ai lavoratori con una decurtazione del 20 per cento per chi aveva 5 ore ed è costretto a lavorarne 4 (il taglio sarà del 50 per cento per chi ne aveva 8 e oggi solo 4). Il danno provocato da questa scelta di Nokia e applicata da Cm Service mette in serio pericolo la stabilità delle famiglie coinvolte».

17 novembre 2008 - Gazzetta della Martesana

 

 

 

 

FaceBook