LAVORO: CUB, COBAS, SDL; SUBITO FORTI AUMENTI SALARI /ANSA

 


NO A DETASSARE STRAORDINARI, FA AUMENTARE INFORTUNI E PRECARIATO
   (ANSA) - MILANO, 17 MAG - ''Negli ultimi 20 anni si sono
persi fra contratti risibili,
aumento del costo della vita,
riduzione delle prestazioni sanitarie e previdenziali, circa
7.500 euro lordi l'anno per gli stipendi e le pensioni'': e'
questo, in estrema sintesi, il punto di riferimento che Cub,
Cobas e Sdl intercategoriale - il sindacalismo di base - hanno
individuato per il lancio di una piattaforma rivendicativa
nell'assemblea nazionale che si e' svolta oggi al Teatro
Smeraldo di Milano.
   Fra le iniziative a breve: una giornata di lotta entro il
mese di giugno e la preparazione di uno sciopero generale in
autunno.

   All'incontro, secondo gli organizzatori, hanno preso parte
oltre 2.000 delegati
: e' emersa una distanza ''nettissima'' da
Cgil, Cisl e Uil, anche se la posizione verso la Fiom fa
intravedere, pur fra serie critiche (''da sempre esiste una
sinistra Cgil che parla ma non lotta''), ''una possibile
convergenza su alcune specifici temi come la difesa del
contratto nazionale''.

   Al centro della piattaforma, non a caso, vi e' proprio il
rilancio del contratto nazionale e un 'no'
secco alla
detassazione degli straordinari, che ''fanno aumentare
infortuni, precariato e ritmi di lavoro gia' altissimi''. Quindi
si chiedono ''subito'' almeno 3.000 euro annui di aumento per
salari e pensioni con il loro adeguamento automatico all'aumento
dei prezzi e l'eliminazione dell'Iva dai generi di prima
necessita'. C'e' poi la reiterazione della richiesta dell'
abolizione del pacchetto Treu e della legge 30 come ''primo
passo per la riduzione del precariato'' e di sanzioni penali per
i titolari e i dirigenti delle aziende che non applicano
rigorosamente le norme sulla sicurezza.

   Fra i leader sindacali erano presenti, per la Cub, i
coordinatori nazionali Piergiorgio Tiboni, Walter Montagnoli,
Paolo Leonardi e Cosimo Scarinzi (scuola), per i Cobas il
portavoce Piero Bernocchi, e Fabrizio Tomaselli per Sdl.
   ''La piattaforma del sindacalismo di base - ha sottolineato
Montagnoli - apre la strada a una fase nuova sia di lotta che di
mobilitazione per raggiungere obbiettivi importanti per
lavoratori, pensionati e ceti popolari. L'unita' del
sindacalismo di base rappresenta la premessa per raggiungere gli
obbiettivi e per costruire un'alternativa sindacale
realistica a Cgi, Cisl e Uil''. (ANSA).

17-MAG-08 17:06


 

GOVERNO: ANCHE CUB MARTEDI' A INCONTRO PALAZZO CHIGI

   (ANSA) - MILANO, 17 MAG - Martedi' prossimo anche la
Cub, la Confederazione Unitaria di Base, critica nei confronti dei
sindacali confederali perche' ritenuti protagonisti della
concertazione, sara' presente all'incontro del governo con le
parti sociali. E' quanto ha spiegato Piergiorgio Tiboni,
coordinatore nazionale del sindacato di base, a margine
dell'assemblea nazionale indetta da Cub, Confederazione Cobas e
Sdl intercategoriale, le tre principali organizzazione del
sindacalismo di base in Italia.

   Tra i punti indicati come basilari per le organizzazioni ci
sono
''aumenti generalizzati per salari e pensioni di almeno
tremila euro annui, con l'introduzione di un meccanismo
automatico di adeguamento salariale legato all'inflazione, ed
eliminazione dell'Iva dai generi alimentari di prima
necessita'''. Le organizzazioni di base poi chiedono una
''difesa della pensione pubblica - ha spiegato Tiboni -
eliminando la clausola del silenzio-assenso alla corresponsione
del Tfr nei fondi pensione e concedendo Possibilità a' per i
sottoscrittori di uscirne''.

   Tra gli altri punti posti sul tavolo dalle tre organizzazioni
c'e' la ''lotta al razzismo, alla precarieta'
, il rilancio del
contratto nazionale come strumento di redistribuzione del
reddito, la sicurezza nei luoghi di lavoro e sanzioni penali a
chi provoca infortuni''.  (ANSA).

 
17-MAG-08 15:32



CONTRATTI:
CUB; FIOM FA CRITICHE, NOI LOTTIAMO


   (ANSA) - MILANO, 17 MAG - ''La Fiom fa le sue battaglie, noi
non ci limitiamo a fare solo critica e portiamo avanti una
piattaforma concreta sul contratto nazionale''. E' quanto ha
detto Piergiorgio Tiboni, coordinatore nazionale della
Cub, commentando il dissenso della Fiom nei confronti della Cgil sul
documento confederale relativo alla riforma dei contratti.

   Sull'argomento sono intervenuti altri sindacalisti di base
che hanno partecipato all'assemblea nazionale indetta oggi a
Milano e in particolare, secondo Piero Bernocchi della
Confederazione Cobas, ''se la Fiom non ha un'autonomia sindacale
nei confronti della Cgil allora sara' difficile lavorare
insieme''. Al contrario, Fabrizio Tomaselli dello Sdl ha
affermato: ''se la Fiom mantiene le posizioni di ieri, per noi
e' un interlocutore importante''. (ANSA).

17-MAG-08 15:37

Lavoro

SCUOLA: CUB, SARKOZY VUOLE ABOLIRE DIRITTO SCIOPERO

   (ANSA) - MILANO, 17 MAG - ''Tradotta in francese normale,
nemmeno in italiano, la dichiarazione di Sarkozy e' esplicita e
vuole che i lavoratori non possano piu' scioperare''. E' quanto
ha detto Cosimo Scarinzi, coordinatore nazionale
Cub Scuola, a margine dell'assemblea nazionale del sindacato di base
a Milano.

   Secondo Scarinzi, ''il diritto ai servizi pubblici dignitosi
lo lede non chi sciopera ma chi vuole impedire ai lavoratori di
scioperare
, perche' lo sciopero e' uno strumento che serve
proprio a rafforzare i servizi sociali''. Quanto alla proposta
di Sarkozy di aprire le scuole inferiori per accudire i bambini
nelle giornate di sciopero degli insegnanti in Francia, ''e'
come se il lupo volesse difendere i diritti delle pecore''. Al
segretario della Uil, Luigi Angeletti, che ha invece proposto lo
sciopero virtuale come soluzione per risolvere il conflitto fra
diritto di sciopero e diritto ai servizi pubblici, Scarinzi ha
replicato spiegando che ''tutte le provocazioni vanno bene, ma
lo sciopero e' lo sciopero, uno strumento di azione di un
soggetto, il lavoratore, che non puo' essere associato a nessun
tipo di arbitrato da parte di terzi''.  (ANSA).

17-MAG-08 15:58

FaceBook