Dopo Veltroni, i No Dal Molin contestano anche Berlusconi: 2 fermati. NO ALLA NUOVA BASE AL DALMOLIN di VICENZA - Guai a chi li fischia

 


Berlusconi visita Vicenza e la democrazia assume una nuova forma: la claque. Contestarlo? Vietato.
Guai a chi li fischia: in democrazia si può solo applaudire. Succede a Vicenza, dove da alcuni mesi il clima politico sta cambiando. La partecipazione si trasforma in claque, mentre i cittadini sono invitati a stare il più lontano possibile; meglio ancora, davanti alla televisione, dove possono inveire liberamente contro il politico di turno, tanto nel chiuso delle proprie case nessuno li vede.
E così ti capita a Vicenza Silvio Berlusconi, che porta sulle spalle il fardello di aver promesso all’amico Bush il Dal Molin e la città intera, ma chi vuol sventolargli in faccia la bandiera con l’aereo sbarrato viene prontamente allontanato; senza troppi complimenti, s’intende, perché la festicciola – non era certo una massa oceanica quella che attendeva il re di Arcore – che deve accogliere il candidato premier non può essere sporcata dai canti delle donne e dai cartelli dei giovani.
Manganelli ben in vista sotto gli occhi delle signore, spintoni e minacce non troppo velate. «Signora, noi eseguiamo solo gli ordini»; e via un’altra spinta. Alle domande sul perché di un comportamento del genere, risposte secche: «non potete stare qui, dovete andarvene». La piazza trasformata in palcoscenico privato.
Poi, un paio di fermi: giusto per dire a tutti che chi contesta potrebbe passare qualche guaio e la serata in Questura. Un giovane, tanto per cambiare, perché è più facile etichettarlo; e un cinquantenne che passava di lì per caso e ha deciso che voleva vedere Berlusconi per urlargli la propria indignazione: non ha fatto in tempo, lo hanno caricato su una volante e portato via sotto gli occhi esterrefatti di alcuni giornalisti.
Quando poi Berlusconi arriva, la messa in scena finale, ridicola quanto offensiva: i blindati schierati in fila davanti ai manifestanti – ormai distanti 30 metri – in modo da far muro visivo: sua signoria deve sentirsi a proprio agio nella città del Palladio, i contestatori vanno nascosti.
L’altra sera, in una piazza delle Poste affollata, Dario Fo diceva che «il potere ha paura di chi non si arrende alle imposizioni»; non sono passate ventiquattrore per averne una dimostrazione pratica. Non solo chi fischia perché non accetta deve essere allontanato, spintonato, marginalizzato, ma ora anche nascosto: the show must go on, il comizio deve essere una messa in scena di applausi e flash fotografici.
Dopo Veltroni, anche Berlusconi ha conosciuto la Vicenza che non si arrende; quella stessa Vicenza che in due anni ha ripetutamente riempito piazze e strade e che ora qualcuno vorrebbe spazzar via col ricatto e la paura. Avete fatto “bau” e non ci siamo spaventati; arriverà il giorno in cui deciderete che ascoltare è più sensato che imporre? Probabilmente no; ma ormai è chiaro a tutti: la vicenda Dal Molin si chiude soltanto stracciando i progetti di militarizzazione. Non lo avete deciso voi, lo hanno deciso i cittadini; ed è questo che noi chiamiamo democrazia.
Leggi anche:
Insulti e spinte. In Questura due persone
tratto da Il Giornale di Vicenza del 09/04/2008
 
***********************************************
Presidio Permanente No Dal Molin
Ponte Marchese - Vicenza
www.nodalmolin.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook