corriere on line 13 genn 04  

Milano, il prefetto precetta i tranvieri
Il provvedimento entra in vigore martedì 13 e vale fino a sabato compreso, sia per l'Atm sia per i tramvieri di Monza 
 

MILANO - Il prefetto di Milano, Bruno Ferrante, ha disposto la precettazione dei lavoratori dell'Atm da domani fino a sabato prossimo. Stesso provvedimento è stato preso per i lavoratori dei Trasporti Pubblici Monzesi. Domani si terrà un nuovo vertice in Prefettura per tentare una mediazione.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Presidi davanti ai depositi dei mezzi pubblici

Brescia e Bergamo seguono Milano: è caos
Sciopero selvaggio anche nelle altre due città lombarde dove sono in circolazione pochissimi autobus

BRESCIA - Sciopero selvaggio anche per i conducenti degli autobus che prestano servizio urbano a Brescia e a Bergamo. Dal deposito dei mezzi dell'azienda «Brescia trasporti» non è uscito nessun autobus dalle quattro di stamattina. Le ragioni della protesta sono legate, anche qui, alla firma dell'accordo nazionale da parte di Cgil, Cisl e Uil lo scorso 20 dicembre. Un accordo che i sindacati di base non accettano. La richiesta degli autisti è di riaprire il tavolo nazionale.

COME A MILANO - Gli autoferrotramvieri di Brescia hanno seguito l'iniziativa avviata ieri dai loro colleghi milanesi e stamane hanno lasciato a piedi gli utenti in attesa alle fermate. Gli autisti sono riuniti in assemblea davanti ai cancelli. A Bergamo sono in circolazione solo 2 autobus su circa un centinaio.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

 

Usciti in pochissimi dai depositi. Protesta anche a Brescia e Bergamo  
Milano, la precettazione non ferma lo sciopero
I lavoratori del trasporto pubblico ignorano l'ordine di lavorare disposto dal prefetto Ferrante. Mezzi fermi anche a Monza  

MILANO - Anche questa mattina, nonostante la precettazione, i lavoratori dell'Atm non hanno preso servizio e per il momento non sono in circolazione i mezzi di superficie. Questo a Milano, ma anche a Monza la situazione è critica: gli autobus non sono usciti dalle rimesse mandando in tilt il traffico cittadino. L'Atm ha fatto sapere che il 25% dei conducenti si è dato malato. Nella mattinata reazione del prefetto Ferrante: «Ho chiesto a polizia e carabinieri di inviare oggi stesso alla Procura della Repubblica il rapporto giudiziario con i nomi del personale Atm che non ha ottemperato alla precettazione».
Intanto anche i lavoratori di Brescia e Bergamo hanno aderito alla protesta dei colleghi milanesi. A Brescia poi i mezzi si sono rimessi in funzione.
BLOCCO - A Milano è stata l'Atm a dare notizia della nuova «astensione illegittima», che ha portato al blocco dei mezzi di superficie , cui è seguito alle 6 quello della metropolitana. La polizia municipale ha già messo in campo alcune pattuglie con lo scopo di avvisare i cittadini del nuovo blocco, anche se - secondo alcuni esponenti sindacali - qualche tram e autobus dovrebbe essere in funzione. Ieri il prefetto di Milano, Bruno Ferrante, in attesa degli sviluppi di un ulteriore tavolo di trattativa in programma per oggi alle 15, aveva disposto la precettazione dei lavoratori dell'Atm da oggi fino a sabato 17 gennaio. In serata, dopo una serie di assemblee dei tranvieri, era però sembrata prevalere la linea dura con la decisione di proseguire nell'astensione dal lavoro.

I MEZZI USCITI DAI DEPOSITI
- La polizia municipale ha comunicato che 17 tram sono usciti dal deposito di via Messina e che circolano anche un filobus della linea 33 e uno della linea 93. Sono stati visti anche alcuni tram delle linee 12 e 14.
La linea metropolitana 3 secondo quanto si è appreso, è parzialmente funzionante. Secondo le centrali operative dell'Atm ha preso servizio un numero sufficiente di macchinisti per attivare i convogli della linea 3 prima in un tratto ridotto, tra la fermata di Sondrio e la fermata di Porta Romana e poi, nel pomeriggio, in uno più lungo da Sondrio fino al capolinea di San Donato. Lungo questa tratta le corse, pur se con qualche minuto di ritardo, si verificano a cadenza regolare.

SULLA LINEA 3 SI VIAGGIA GRATIS
- Le obliteratrici della fermata «Stazione Centrale» della metropolitana milanese sono misteriosamente guaste. Agli utenti arrabbiati e anche un pò increduli viene risposto che le macchinette sono guaste.

RIUNIONE UNITARIA - E' cominciata alle 12 presso la Camera del lavoro di Milano una riunione unitaria dei rappresentanti sindacali in preparazione dell'incontro delle 15 con il prefetto.

ESASPERAZIONE
- Alcuni cittadini, esasperati dal nuovo sciopero selvaggio dei lavoratori del trasporto pubblico malgrado la precettazione, hanno tentato di entrare ugualmente nella stazione della metropolitana di Gambara, una delle stazioni periferiche della linea 1. È intervenuta la Volante e sono intervenute anche alcune pattuglie della polizia municipale e la situazione è tornata alla normalità. Anche in altre stazioni - come ha confermato il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato - ci sono proteste di cittadini che ritenevano, con la precettazione, di poter avere assicurato il servizio, quanto meno nei giorni contemplati dal provvedimento del Prefetto Ferrante. Si tratta, nella stragrande maggioranza, di persone che partono da stazione di periferie e per le quali la metropolitana è un mezzo di trasporto fondamentale.

VOLANTINI
- Alcuni volantini, e una bottiglia, che non si esclude, al momento, possa anche essere una molotov inutilizzata, sono stati trovati, stamani all'alba, presso la fermata della Linea 1 di San Leonardo, a Milano. Secondo quanto si è appreso da personale dell'Atm, i volantini esprimerebbero rabbia e minacce nei confronti dei dipendenti del servizio pubblico e proteste contro lo sciopero selvaggio. Dalla Questura di Milano si è saputo che c'era anche una bottiglia rotta con del liquido all'interno: è stata trovata nei pressi dei tornelli d'ingresso, nel mezzanino, ad alcuni metri di distanza dai volantini, che invece erano in corrispondenza delle porte d'ingresso, all'esterno. La polizia l'ha sequestrata per farne analizzare il contenuto.

13 gennaio 2004 

FaceBook