L'annuncio in un volantino della FLMUniti-Cub 

Sciopero straordinari nei sabati della Zanussi
Situazione difficile per azienda ed Rsu Conegliano
 

TREVISO - (F.Fi.) Sciopero dello straordinario per i sabati di giugno e di luglio: le prime adesioni sono state consistenti. Lo ha proclamato allo stabilimento Zanussi di Susegana la FLMUniti-Cub, la confederazione unitaria di base che si sta battendo contro l'ultimo accordo sulla flessibilità siglato dalle tre organizzazioni maggiori e l'azienda.  
La Flmuniti-cub, che nell'ultima tornata non ha ottenuto un rappresentante in seno alle Rsu, lancia un attacco contro l'azienda per i ritmi e lo straordinario imposto, ma anche contro gli stessi sindacati, definiti "padronali" e i referendum (in cui la maggioranza dei lavoratori aveva accettato l'accordo) "truccati", per il diritto di passare il sabato con la famiglia. Nell'ultimo volantino diffuso ieri ha proclamato, oltre che per tutti i sabati di giugno, lo sciopero ad orario intero anche per il mese di luglio.  
Una posizione drastica, forte del fatto che oltre 300 dei 2000 dipendenti dello stabilimento non avevano accettato l'accordo che le Rsu trovano ora qualche difficoltà a gestire.  
Come conferma Italo Zanchetta, della Fiom: «Fermo restando che tutte le sigle hanno diritto di esistere e prendere posizione, lo sciopero è un'azione legittima, rientra nelle libertà individuali quando ha uno scopo collettivo. Da qui a condividerlo ne discutiamo. Io credo che l'accordo contenga elementi interessanti come prevede il contratto nazionale. Diciamo che a causa della rigidità dell'azienda rispetto a certe problematiche individuali che potevano essere gestite diversamente, ci sono le tensioni che vengono sollevate dalla Flmuniti-cub.  
Così si corre il rischio di vanificare anche un accordo che poteva essere considerato buono e l'azienda è costretta a correre ai ripari, chiedendo ad altri turni di lavorare il sabato».
da il "Il gazzettino Veneto" del 23 giugno 04

 

 

FaceBook