METALMECCANICI: CUB CHIEDE AUMENTO 250 EURO E INDICIZZAZIONE. TIBONI, ALLE TRATTATIVE DEVE PARTECIPARE ANCHE SINDACATO BASE  
 

(ANSA) - MILANO, 12 GEN - Aumento salariale di 250 euro lordi mensili come tappa verso il salario europeo e per un recupero parziale del potere di acquisto dei salari; democrazia sindacale; introduzione di un meccanismo di indicizzazione automatica della retribuzione all'andamento dell'inflazione su un paniere costruito sui consumi dei lavoratori.
Sono questi i punti qualificanti della piattaforma della FlmUniti, il sindacato di categoria della Confederazione unitaria di base (Cub), per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici.   La piattaforma e' stata elaborata dalla Commissione  nazionale del sindacato di base ed e' gia' stata sottoposta alla valutazione dei delegati con assemblee regionali.
 La FlmUniti-Cub chiede che il contributo erogato dalle aziende a chi aderisce ai fondi pensione sia corrisposto a tutti i lavoratori indipendentemente dall'adesione (l'1% pari a 25-30 euro mensili) e che il Tfr debba ''essere nella piena disponibilita' dei lavoratori''.
Tra le altre richieste: tutta la retribuzione, compresa quella decentrata, deve essere sottoposta a contribuzione Inps e ci deve essere l'impegno di Federmeccanica a sostenere nei confronti del Governo il pagamento ai lavoratori in Cig o mobilita' di una indennita' pari all'80% della retribuzione
Il coordinatore nazionale della Cub, Piergiorgio Tiboni, parla ''di richieste in linea con le politiche concertative da parte di Cgil, Cisl e Uil che hanno portato alla riduzione secca dei salari'' e ''di teatrino fra padroni e sindacati compiacenti''.
''Il minimo della democrazia - ha detto - e' la partecipazione alla trattative di tutte le organizzazioni, superando la discriminazione nei confronti del sindacato di base e la pretesa padronale di scegliersi il sindacato con cui trattare''.   
(ANSA).2005-01-12  

FaceBook