da "KataWebFinanza.it"

“La Repubblica.it” 3 febbraio 2005

 

FIAT: TIBONI (CUB), INTERVENGA GOVERNO E VIA LA FAMIGLIA 


(AGI) - Milano, 3 feb. - "Che la Fiat venga ceduta o che si monetizzi il put e' fuorviante rispetto ai problemi dei lavoratori e al futuro dell'indutria dell'auto in Italia - afferma Piergiorgio Tiboni coordinatore nazionale CUB in una nota - per garantire un futuro meno travagliato ai lavoratori e' necessario che la famiglia Agnelli prima copra i debiti e poi si faccia da parte.

L'attuale proprieta' non e' credibile qualsiasi piano presenti, non ha mantenuto gli impegni assunti nel passato e oggi punta unicamente a scaricare sui lavoratori e sulla collettivita' i costi di un'operazione lucidamente programmata, per consentire alla famiglia e alle banche di trarre il massimo profitto dalla cessione di Fiat auto".

"Il diritto alla vendita a GM - continua Tiboni - concepito dalla proprieta' per disfarsi della Fiat, e' negativo per la salvaguardia dei posti di lavoro ed il futuro dell'industria dell'auto in Italia. Per bene che vada, GM e' interessata solo a qualche stabilimento e a qualche marchio, non certo rilanciare la Fiat nel suo insieme; infatti anche GM e' impegnata a chiudere stabilimenti in Europa con conseguente licenziamento di 12.000 lavoratori.

Sono indispensabili - conclude Tiboni - un nuovo assetto proprietario e l'intervento del Governo".

(AGI)
 
03/02/2005 - 15:46

FaceBook