ALITALIA/ AMOROSO (CUB): AZIENDA ACCELERA SMEMBRAMENTO INFORMATICA
21/03/2005


Ingenti appalti a ditte esterne

Roma, 21 mar. (Apcom) - Prosegue a tappe forzate l'esternalizzazione dei servizi informatici di Alitalia. La compagnia, riferisce ad Apcom Antonio Amoroso del Cub, "ha imposto infatti un'accelerazione su questo fronte come a voler mettere in discussione la funzionalità stessa della Dsr (la divisione informatica di Alitalia ndr) e dimostrarne l'inutilità in vista della sua cessione".

E ci sono dei fatti che parlano chiaro, dice il sindacalista. Il primo riguarda la fornitura ad ognuno dei circa 1.800 piloti di un computer palmare con il relativo collegamento al sistema di posta elettronica interna e a tutta la rete informatica dell'azienda. "Alla Dsr - spiega Amoroso - è stato chiesto di approntare tutto il servizio in 40 giorni mentre i tempi necessari sono sicuramente di mesi. A questo punto Alitalia ha siglato un contratto triennale di circa 6,5 milioni di euro appaltando tutto il lavoro a Ibm. Con una somma del genere anche la Dsr sarebbe stata in grado di sveltire i tempi. E poi - fa notare - ci devono spiegare come si arriva a quella cifra: visto che 1.800 palmari costano poco meno di due milioni e il servizio di assistenza e connessione alla rete non costa certo 5 milioni di euro. Non si capisce perché parlano di contenimento dei costi e poi non vengono utilizzate le risorse interne e si pagano lautamente ditte esterne".

Fonti dell'Anpac (la principale associazione dei piloti) interpellate sulla questione puntualizzano "che la dotazione informatica servirà a sostituire tutto il materiale cartaceo (manuali e normative) con i relativi aggiornamenti. Un servizio fino ad ora gestito dalla ditta Giacchieri che si occupa anche di fornire i servizi relativi alle cartine aeroportuali, ai manuali di bordo, al casellario dei naviganti. Servizi che hanno un costo complessivo per la compagnia di svariati milioni di euro annui. Per cui il saldo alla fine potrebbe rivelarsi positivo". A tale proposito, c'è da ricordare che un'operazione analoga era stata effettuata da Cimoli quando era alla guida delle Ferrovie.

Altro fatto messo in rilievo dall'esponente del Cub è la gestione della rete telematica di Alitalia che mette in collegamento l'azienda con l'esterno e i vari settori interni tra di loro. "Nei giorni scorsi - dice Amoroso - sono arrivati dei tecnici della Albacom che, a quanto ci risulta, prenderà in mano la gestione di una delle linee con gli Stati Uniti, fino ad ora fatta dalla Dsr. Anche in questo caso l'appalto è di ingente entità".

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

ALITALIA/ AMOROSO (CUB):AZIENDA ACCELERA SMEMBRAMENTO INFORMATICA



Cessione ad esterno adeguamento sistemi informatici e rete i intranet

Roma, 21 mar. (Apcom) - E ancora, Amoroso punta il dito sull'adeguamento dei sistemi informatici per la gestione dell'utilizzo del personale navigante secondo la norme imposte dalle autorità di settore. "Le norme - sottolinea il sindacalista - entreranno in vigore dal primo aprile ma l'azienda ci ha comunicato la necessità di questo adeguamento solo la scorsa settimana. I nostri tecnici hanno stimato che il necessario è di '50 mesi uomo di lavoro' (un 'mese uomo' cioè un mese di lavoro di un uomo, è l'unità di misura con cui si calcolano i tempi necessari per la realizzazione di un progetto) e quindi non ci saremmo stati con i tempi. Allora Alitalia ha assegnato l'appalto a Cap Gemini per un importo di 136mila euro. Ora - si chiede il sindacalista - perché ce lo chiedono con così poco preavviso visto che la scadenza era nota da mesi?. La nostra risposta è che la riduzioni tempi e costi è solo un pretesto perché è chiaro che non si possono soddisfare certe richieste in tempi brevi se si riducono risorse e personale".

Infine, aggiunge Amoroso,"ci si sta rivolgendo all'esterno anche per quanto riguarda lo sviluppo e l'evoluzione interattiva della rete intranet messa a punto interamente dalla Dsr e per il quale sono in corso contatti con Microsoft e Ibm. Dsr non è stata minimamente coinvolta in questo progetto tranne quando è stato necessario far vedere a una delegazione di Microsoft le funzionalità della rete finora sviluppate".

E' chiaro, evidenzia ancora il sindacalista, "che tutto questo risponde alla logica pretestuosa di Cimoli di smembrare la Dsr con 70 persone che resteranno in Az Fly e che dovrebbero disegnare i sistemi informatici mentre la realizzazione di questi verrebbe fatta fare a ditte esterne. Il personale restante, circa 500 unità verrebbe fatto confluire in Az Servizi. Non è possibile infatti che il disegno dei sistemi possa essere assolto da 70 persone. Questo è un bluff e Cimoli ne è consapevole. Tutti i circa 600 lavoratori sono necessari per disegnare i sistemi: siamo in netto sott'organico rispetto a qualunque confronto con i settori analoghi delle compagnie principali europee. Il tutto nell'ottica di medio lungo termine di far gestire l'informatiica ad Air France Klm".

21/03/2005

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Oggi 22 marzo 05 il Presidente della X Commissione Industria - Commercio - Turismo del Senato, Sen. Francesco PONTONE, ha convocato i rappresentanti della CUB Trasporti a fronte della nostra richiesta di un incontro.


La delegazione della CUB Trasporti illustrerà al Presidente della X Commissione le fondate ragioni della contrarietà dei lavoratori della Divisione Informatica AZ rispetto al Piano di smembramento e di vendita del settore: un progetto pericoloso ed senza alcuna prospettiva industriale.

FaceBook