"ANSA - 28-4-05"
ALITALIA: CUB Trasporti, NO ALLO SMEMBRAMENTO DEL SETTORE INFORMATICO. OGGI SONO SCESI IN STRADA ALLA MAGLIANA, DAVANTI AL CENTRO DIREZIONALE DELLA COMPAGNIA DI BANDIERA A ROMA, 300 DIPENDENTI.
 

Uno sciopero improvviso dei dipendenti del Centro direzionale dell’Alitalia a Roma si e’ svolto questa mattina dopo che la compagnia di bandiera ha comunicato ai responsabili del settore informatico lo smembramento dell’area in più societàà. Sono scesi in strada, dalle 11 alle 13 davanti al grande ufficio nel quartiere della Magliana, circa 300 lavoratori.

Dei circa 560 dipendenti del settore informatico – dice Antonio Amoroso, della segreteria nazionale della Cub Trasporti – circa 480 saranno destinati ad Alitalia Servizi che a sua volta sarà ripartita in cinque altri tronconi societàari, mentre ad Alitalia rimarranno una ottantina di persone”.   

“Il corteo è finito – ha proseguito il sindacalista – quando è intervenuta la polizia e ci ha invitato a sgombrare la piazza. Noi contestiamo il progetto completamente perché la cessione a terze societàà delle attività informatiche comporta pesanti ricadute sociali e un peggioramento della qualità del servizio oltre un aumento dei costi per la compagnia.

Il servizio informatico deve restare in Alitalia con tutti i dipendenti, anche perchè le aziende interessate all’acquisto sono già in forte crisi con licenziamenti e cassa integrazione”.    In queste ore, spiega la Cub, si sta valutando se gli impiegati informatici entreranno in sciopero a oltranza.
ROMA, 28 APRILE 2005  

.-.-..-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.


Apc-ALITALIA/ CUB: OGGI SCIOPERO IMPROVVISO LAVORATORI INFORMATICA _Contro smembramento divisione. Da primo maggio operativa Az service 


Roma, 28 apr. (Apcom) - Circa 300 lavoratori della divisione informatica di Alitalia hanno effettuato oggi uno sciopero improvviso, dalle 11 alle 13 davanti al centro direzionale di Alitalia contro il progetto di smembramento della divisione. Lo rende noto Antonio Amoroso del Cub, spiegando che per "la prima volta hanno partecipato anche sindacalisti della Cgil riconoscendo che di fatto Alitalia sta andando oltre gli accordi sottoscritti". Lo sciopero, spiega Amoroso, "si è concluso quando la polizia ci ha fatto sgombrare perché la manifestazione non era autorizzata".

 
Oggi infatti, dice Amoroso, "si è tenuta una riunione tra azienda e sindacati nei quali è stata annunciato il progetto di cessione di ramo d'azienda. Dal primo maggio sarà infatti operativa Az service che, secondo i piani assorbirà circa 480 lavoratori informatici mentre i restanti 70 resteranno in Az Fly. Alla consegna dei tesserini i lavoratori hanno deciso lo sciopero. I responsabili del settore informatico sono stati convocati dall'azienda che ha palesato la volontà di ristrutturare il servizio informatico di Az service per poi suddividerlo in varie societàà da vendere nel caso in cui trovi degli acquirenti".

 
I possibili acquirenti, dice ancora Amoroso, "non sono stati resi noti ma i nomi sono quelli che girano da tempo. Tra questi Accenture, Eds, Ibm e Telecom. Ora, stiamo valutando l'ipotesi di scioperi ad oltranza da effettuare nelle prossime ore o nei prossimi giorni". Pie      

FaceBook