A proposito di fondi pensione... Usa, buco da 430 miliardi di dollari! È L'ultimo rapporto della Pension Benefit Guaranty Corporation l'Agenzia pubblica che assicura contro l'insolvenza i fondi pensione privati

 
da "Corriere della Sera" economia 2 aprile 2007

L'ultimo rapporto della Pension Benefit Guaranty Corporation, l'Agenzia pubblica che assicura contro l'insolvenza i fondi pensione privati ai quali aderiscono 45 milioni di persone, segnala un deficit attuariale di 430 miliardi di dollari.
Solo nella seconda metà degli anni Novanta, l'Agenzia aveva un surplus grazie al boom della Borsa.
Poi è tornata sempre più in rosso e a nulla è valso il recupero di Wall Street.
Nel 2005 il disavanzo annuale tra i contributi incassati dalle aziende e gli esborsi per far fronte alle pensioni, che i fondi aziendali non riuscivano a coprire, è stato di 22 miliardi, più o meno come l'anno precedente.
Gran parte del disavanzo deriva dalla crisi delle compagnie aeree e delle grandi acciaierie.
La sola United Airlines ha dichiarato un "buco" di 10 miliardi negli accantonamenti per le pensioni, poi passate a carico dell'Agenzia.
E ora anche l'industria automobilistica bussa alle porte del riassicuratore di Stato.
Nella campagna per il suo secondo mandato, il presidente Bush ha promesso interventi per evitare il collasso delle pensioni aziendali che minaccia di arrivare a proporzioni analoghe alla crisi delle Casse di Risparmio di trent'anni fa.
E ora il Congresso sta decidendo di quanto aumentare gli accantonamenti aziendali al fondo pensione e il premio annuo per l'Agenzia.
Le pensioni aziendali in stile Inps, residuo della Great societày degli anni Sessanta, tendono a non venir più riconosciute ai nuovi assunti. Che prenderanno salari inferiori e dovranno farsi da soli la pensione.

Confederazione Unitaria di Base

13 4 2007
Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804 fax 02/70602409
www.cub.it - e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

FaceBook