7601.gifCUB, PROBLEMA MODULI AIUTA “SCIPPO” A FAVORE FONDI - Il ministero crea solo confusione. Quello che conta è che il lavoratore abbia espresso o esprima chiaramente la propria volontà.

L'intenzione del ministero, se confermata, ha il solo scopo di creare confusione. Quello che conta è che il lavoratore abbia espresso o esprima chiaramente la propria volontà.
P.Giorgio

comunicato stampa

ANSA - 20 GEN - ''L' ipotesi del Ministero del Lavoro di considerare non validi i moduli con cui i lavoratori hanno espresso la scelta di destinare o meno il Tfr nei fondi pensione risponde a una logica burocratica da Stato Sovietico'': lo ha detto il coordinatore nazionale della Cub, Piergiorgio Tiboni, la cui organizzazione si oppone al trasferimento del Tfr ai fondi.

''Il Ministero del Lavoro non soddisfatto dalla norma capestro del silenzio-assenso
- ha continuato Tiboni - propone un'interpretazione della legge che ha lo scopo di favorire ulteriormente lo scippo del Tfr perché tantissimi lavoratori hanno già comunicato di voler tenere in azienda il Tfr.
Il Ministero dovrebbe invece occuparsi delle migliaia di aziende che non hanno comunicato nulla ai dipendenti impedendo loro di essere informati e di avere il tempo di potere decidere.
Si è già perso un mese''.

 

 

 

FaceBook