TELECOM: PRIVATIZZAZIONI = PROFITTI ai PRIVATI e DEBITI allo STATO. Pagheranno ancora i lavoratori?

La Telecom da una diventa tre.... E’ frutto del decreto Bersani: le vendite promozionali si possono effettuare in qualsiasi periodo

Con buona pace dei cultori della superiorità del privato e del libero mercato, anche le telecomunicazioni, insieme alle autostrade, al trasporto aereo, tra un po’ forse anche l’ENEL, passeranno in mano a gruppi stranieri.
Nel caso Telecom, dopo la privatizzazione di Prodiana memoria, che avrebbe dovuto dare vita all’azionariato popolare, siamo passati dalla FIAT, che voleva governare con lo 0,6% di azioni, a Colaninno e Gnutti, che hanno acquistato Telecom riempiendola di debiti e  hanno rivenduto il loro 18%, prendendo i profitti e lasciando i debiti, a Tronchetti Provera che dopo aver accorciato la catena delle scatole cinesi, incorporando TIM in Telecom per portare i soldi direttamente in PIRELLI, ora, a meno di un anno dall’incorporazione, per salvare dal collasso Pirelli e Olimpia, che detengono la maggioranza di Telecom, mette in vendita “l’argenteria” scorporando la RETE e la TIM per fare cassa.
Sin qui, tutto ciò è avvenuto, con il consenso dei governi che si sono succeduti e con l’assenso di CGIL-CISL-UIL, fervide vestali del libero mercato e che ora si stupiscono, e sulle spalle della collettività dei lavoratori che, per consentire a lor signori di speculare, si è vista svendere un patrimonio pubblico ed accollare sulle casse dell’INPS le spese relative ai 18.000 prepensionamenti, succedutesi dal 2000 ad oggi.
E’ chiaro che la divisione di Telecom in tre aziende avrà pesanti ripercussioni sul piano occupazionale e sulle condizioni di lavoro, perciò la FLMUniti, in coerenza con le sue precedenti azioni ed analisi, si farà promotrice di azioni di lotta, anche condivise, che contrastino al massimo la svendita definitiva delle telecomunicazioni ed invita lavoratrici e lavoratori ad  aderire e promuovere le stesse.
La FLMUniti chiede anche a lavoratrici e lavoratori di valutare che risposte di lotta efficaci difficilmente potranno essere fornite da chi ha condiviso scelte e politiche aziendali e delle telecomunicazioni di questi anni.

Roma, 13 settembre ’06

FLMUniti-CUB di ROMA  e  Provincia
Via dell’Aeroporto, 129 - 00175 ROMA

 

 

FaceBook