L’assemblea dei lavoratori Apierre spa di Vignate riunita il 21 luglio 2006 L’assemblea dei lavoratori Apierre spa di Vignate riunita il 21 luglio 2006 denuncia la grave situazione in atto che vede un ritardo di due mesi nel pagamento dei salari e degli stipendi e dall’altra una grave situazione finanziaria  e di mancanza di liquidità.
La proprietà negli anni scorsi ha portato avanti una serie di iniziative che hanno prodotto il dimezzamento dei posti di lavoro (dai 105 del 2001 agli attuali 55), il ritardo nel pagamento dei fornitori e degli istituti pubblici (contributi e tasse).
L’uso dei lavoratori precari e degli straordinari a periodi alterni insieme alla irregolarità delle consegne delle materie prime ha messo e mette in serie difficoltà la regolare e completa consegna delle commesse ordinate.
Il depauperamento della ricchezza sociale con la recente vendita dell’immobile a Pessano con Bornago per trasferirsi in affitto a Vignate non è bastato a ridare slancio e far intravedere una uscita dalla difficoltà.
La Apierre opera nella produzione di quadri elettrici di media e alta tensione è un’impresa i cui prodotti di alta qualità sono e continueranno ad essere necessari ed hanno un futuro. Le grandi aziende anche multinazionali hanno acquistato importanti impianti come la RAI per la sede di Napoli, centrali termiche, dissalatori, aeroporti, navi e grandi stabilimenti  sono solo alcuni esempi.
Per i prossimi mesi ci sono commesse importanti da completare. Gli operai e gli impiegati provati da mesi di ritardo degli stipendi sono determinati ad evitare la chiusura della attività.
I lavoratori, la RSU e le organizzazioni sindacali Fiom Cgil e Flmuniti-Cub hanno coinvolto l’assessorato alle crisi aziendali della provincia di Milano in un primo incontro che si è tenuto il 20 luglio a Milano nella sede di via Jenner 24 con l’obiettivo di dare continuità alla attività produttiva e industriale. L’assessore della provincia di Milano, Bruno Casati, si incontrerà con la proprietà Mercoledì ì 26 luglio.
L’assemblea dichiara per venerdì 21 luglio due ore di sciopero di protesta e si riconvoca giovedì 27 luglio per prendere altre decisioni.
Vignate, 21 luglio 2006
FaceBook