Ex Siemens di Cavenago: 130 lavoratori e famiglie tra l’incudine e il martello. Logistics Service non paga da mesi lo stipendio e ha lavoro per pochi.

 
Borghi subentrerebbe e prenderebbe quasi tutti ma con riduzione al minimo della paga sindacale autotrasporti e nel frattempo in mobilità.
Siemens, Bartolini, Logistics Service e ora Borghi più sindacati Fiom, Fim e Confindustria: ecco come far passare qualche anno e qualche azienda e far subire a lavoratori e lavoratrici un calvario … senza futuro??
Alcuni buoni motivi per contrastare il piano proposto:
Siemens con le sue false promesse ha piena responsabilità à di quel che succede… ha ceduto lavoratori e il terreno. Dopo anni c’è chi si tiene il terreno ma per i lavoratori nessuna promessa di lavoro è stata mantenuta.
La proposta di assunzione da parte di Borghi Trasporti (del gruppo Bartolini) è una trappola preparata da tempo con ritardi degli stipendi per convincere che il male minore è accettare di chinare la testa perdere i diritti acquisiti dei contratti aziendali e avvallare con una firma e la transazione la accettazione di perdere 3-4mila euro all’anno.
Ancora una volta sono le donne a pagare! Il 2007 è l’anno europeo contro le discriminazioni. E viene celebrato con accordi che tagliano salari, diritti e senza garanzie sul futuro. E’ vero che è sulla donna che pesa in gran parte il tirare avanti la famiglia e far quadrare i bilanci. Ma così si mette in difficoltà chiunque.
Possibile che non si possa impostare, organizzare una lotta di resistenza per un posto di lavoro vero denunciando le malefatte delle aziende che hanno lucrato finora…???
Il poco lavoro che sembra esserci è legato alla movimentazione delle mutande.. ma chi è il cliente e fino a quando dura il contratto?? O hanno già pensato di lasciare lavoratrici e lavoratori in mutande in poco tempo???
Non è una scelta facile resistere e andare verso il fallimento di Logistics Service… ma almeno svelerebbe il disegno reale della cessione di qualche anno fa. Con il fallimento ci sarebbero gli ammortizzatori sociali .. e la lotta per ottenere un posto di lavoro dovrebbe continuare in condizioni diverse e difficili.
Ma accettare la proposta preconfezionata significa farsi neutralizzare e poi avere maggiori difficoltà a reclamare diritti e dignità.
La speranza è l’ultima a morire ma si deve dargli una mano con azioni di lotta decise a difendere i diritti acquisiti.

Lì, 07-08-07

Sede di zona: Monza via Piave 7 tel. 039832267 fax0392849844
Cassina de' Pecchi, via Marconi 38 tel 02 95341107 fax 0295288938
20131 Milano - V.le Lombardia, 20 - Tel. 02/70631804 -  Fax 02/70602409
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook