Mercoledì ì 21/9 sciopero di 4 ore con presidio delle portinerie alla Siemens di Cassina de’ Pecchi per protesta contro le scelte della multinazionale.

 Lo sciopero di due ore a livello nazionale diventa di 4 ore a Cassina de’ Pecchi contro i tentativi in corso di esternalizzare i lavoratori del magazzino e delle riparazioni con il presidio delle portinerie dalle 7 di mattina alle 20,00 e conferenza stampa alle 10,30 sui cancelli.

Il gruppo multinazionale Siemens ha deciso che in Italia ci sarà una sola societàà dal 1° ottobre ma all’ultimo momento lascia fuori 200 lavoratori di SGS (Bicocca) e insiste a scaricare al gruppo Compel i lavoratori CNX di L’Aquila. Inoltre continua la politica dei tagli del personale con il tentativo di esternalizzare:

  1. i 30 lavoratori del magazzino di Marcianise alla Blg (multinazionale tedesca della logistica);
  2. i 31 lavoratori del magazzino in entrata di Cassina de’ Pecchi alla Tnt Logistics (va ricordato che il magazzino in uscita - altri 30 lavoratori circa -  era già stato ceduto e i dipendenti hanno mantenuto il contratto metalmeccanici ma i nuovi assunti Bondioli o altro non hanno né la paga né i diritti Siemens);
  3. i 7 lavoratori del gruppo riparazione alla Arco Wave (che ad oggi ha tre dipendenti) del gruppo Compel.


A Marcianise nonostante una buona disponibilità al confronto gli stessi sindacati confederali chiedono al vertice aziendale di “recedere dalla cessione”  e dichiarano 2 ore (dal volantino fim,fiom e uilm e rsu di Marcianise - Caserta).

Nello stabilimento di Cassina da quando sono state annunciate le esternalizzazioni ci sono stati vari scioperi e cortei interni:
Giovedì 15/9 corteo interno e sciopero e il pomeriggio incontro con i responsabili aziendali.

Venerdì 16/9 mattina assemblea per confrontarsi e preparare l’incontro di lunedì  19 in Assolombarda: niente mandato all’accordo.  Lunedì 19 sciopero dalle 10,15 alle 11,30.

E domani 21 settembre si annuncia una giornata di mobilitazione generale che coinvolgerà  la Siemens e le altre aziende presenti nel sito.

La CUB sostiene le ragioni della lotta e ricorda che la politica delle esternalizzazioni da parte di Siemens ha prodotto non pochi disastri:  
Tecnosistemi (oltre 1500 dipendenti e famiglie in amministrazione straordinaria si avvia al fallimento?);

la manutenzione, servizi generali ecc, sono finiti a Policarbo che li ha passati a Cofatech e ora li ha ceduti alla cooperativa H. R. del gruppo Viesse (e sono costretti alle cause legali ma molti diritti e posti di lavoro si sono persi per strada).

E la cessione al gruppo Compel della ricerca di CNX di L’aquila non fa presagire un futuro migliore.

Conferenza stampa

21-9-05 dalle 10,30
 
davanti ai cancelli Siemens Cassina de’ Pecchi (Strada Padana Superiore) info Tonino Vetrano 3389862276 Angelo Pedrini 3475400864  

e mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o andare sul blog: http://cubsiemens.blog.tiscali.it  


Sede di zona: Cassina de' Pecchi via Marconi 38 tel 02 95341107 fax 0295288938

FaceBook