La Cub giudica positiva la presentazione dei due DDL sull’istituzione di un reddito minimo perché pongono una questione reale anche se in termini insufficienti.
Chi è senza lavoro o ha reddito insufficiente deve poter contare su un reddito minimo e servizi sociali gratuiti senza limiti di tempo.

 

 

Maurizio Sacconi
                    Presidente 11a Commissione lavoro, previdenza sociale
                    Senato della Repubblica
                    Ai Componenti la Commissione lavoro, previdenza sociale
Piazza Madama, 2    00186 ROMA fax 06/67063676 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Oggetto: Parere della Cub  su DDL S  1148 e 1670

Cub  rivendica e sostiene:
L’integrazione a 1.000€ /mese dei redditi di lavoratori precari, disoccupati, giovani in cerca di lavoro e pensionati.
Misure integrative volte a garantire servizi sociali gratuiti quali:
Sanità senza ticket su visite, ricoveri e medicinali, asili gratuiti; 

accesso alla istruzione senza tasse scolastiche e universitarie, con materiale didattico gratuito,

trasporto pubblico locale, fornitura a prezzo calmierato di gas, acqua, elettricità, telefonia fissa;
il diritto alla casa sospendendo gli sfratti, sostenendo i canoni di affitto e rilanciando l’edilizia popolare;

il superamento, con il reddito che si va ad istituire, delle pensioni sociali e le integrazioni al minimo,

le prestazioni di indennità civile, assegno di assistenza, indennità di frequenza minori, pensioni di inabilità,

e indennità di accompagnamento, dando  trasparenza alla spesa sociale già in atto fatta passare come spesa per pensioni.

piena attuazione all’Art. 36 della Costituzione che stabilisce: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.”

 


Milano 22/02/2015

Per la Cub
Marcelo Amendola

Confederazione Unitaria di Base
Milano: V.le Lombardia 20 - tel. 02/70631804

 

Share this post
FaceBook