L'associazione padronale UNEBA, cancella il precedente comunicato e conferma sul suo sito lo sciopero del 23 indetto dalla CUB-SANITA' nelle aziende del socio-sanitario.

 

UNEBA, il comunicato della vergogna.
CUB-Sanità diffida UNEBA per avere invitato gli enti suoi associati a sanzionare i lavoratori che aderiranno allo sciopero generale il 23 ottobre

Dal 9 ottobre sulla prima pagina del sito di UNEBA (Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale) è pubblicato un comunicato che invita padroni e amministratori degli enti Socio-Sanitàri del Paese, a sanzionare le lavoratrici e i lavoratori che il 23 ottobre aderiranno allo sciopero generale indetto dalla CUB, con manifestazioni a Milano, Roma e Torino.
 
“Da una parte UNEBA teme il nostro sciopero generale e punta a minimizzare la nostra crescente presenza” osserva Walter Gelli di Cub-Sanità “dall’altra tenta palesemente di ledere il diritto di sciopero, preoccupata com’è di confrontarsi con organizzazioni non concertative che si oppongono alla riduzione dei diritti e del salario dei lavoratori”.
 

A seguito di quest’azione discriminatoria nei confronti della CUB, proprio il sindacato di base ha messo in mora e diffidato UNEBA dal portare avanti questa iniziativa.
 
“UNEBA pare tenere parecchio ai vizi concessi da altri sindacati” continua Gelli “A questo punto chieda scusa ai lavoratori, e faccia sparire immediatamente quel suo comunicato.”

MILANO, 16 ottobre 2009

CUB  -  Confederazione Unitaria di Base
V.le Lombardia, 20 - 20131 Milano
Tel. 02 70631804 - Fax 02 70602409
FaceBook