Un consistente gruppo di iscritti RdB dell'Ospedale Mauriziano di Torino sceglie di restare nella CUB


Prendi il comunicato pronto per la stampa .zip

L'Ospedale Mauriziano di Torino è una delle più importanti aziende ospedaliere del Piemonte che vede ormai da decenni la presenza continua e combattiva del sindacato di base.
Nonostante il sostegno che l'azienda accorda ai sindacati concertativi il sindacato di base si è guadagnato negli anni seguito e credibilità concretizzatisi, fra l'altro, in occasione delle ultime elezioni delle RSU nella conquista di due delegati.
Oggi, di fronte alla scelta di RdB di rompere l'unità della CUB, questi lavoratori  ritengono giusto sostenere il proprio sindacato e non seguire gli scissionisti.
È, infatti, evidente che RdB pratica la scissione e predica l'unità nella peggiore tradizione delle burocrazie sindacali.
Già molti lavoratori, quindi, hanno lasciato RdB e si sono iscritti alla CUB Sanità nella convinzione che serva un sindacato di base autonomo dalla controparti e fondato su una reale pratica democratica basata sul confronto a partire dal livello aziendale fino all'esecutivo nazionale, un sindacato che non scambi diritti dell'organizzazione con diritti dei lavoratori mediante la firma di contratti a perdere, insomma un vero sindacato di base.
I militanti che hanno costituito la CUB Sanità nel settore pubblico a Torino si propongono di operare a coordinarsi con altri gruppi interessati allo stesso percorso per rafforzare la CUB e l'unità del sindacalismo di base che deve essere vera e condivisa e non uno slogan usato per fini che nulla hanno a che vedere con gli interessi dei lavoratori.

Torino 7 Ottobre 2009-10-08

La Federazione Torinese della CUB Sanità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

FaceBook