Asili Nido: garantire la continuità, il salario, il posto di lavoro, la serenità di tutti. A MILANO i frutti avvelenati della privatizzazionee dei servizi all'infanzia - è inaccettabile che la sopravvivenza di un Servizio Pubblico sia determinata dal suo prezzo.

 

Prendi il comunicato pronto per la stampa .zip

1.500 bimbi degli asili nido e 520 lavoratori/trici vivono l’incertezza e la precarietà del loro futuro poiché le Cooperative che gestiscono da tempo il servizio, affermano ora che le nuove condizioni economiche imposte dal Comune, “tagliano fuori chi vuole lavorare seriamente”, causa i bassi rimborsi che prevedono 520 E al mese per bimbo compresi 100 E per la mensa”.
Quanto sta avvenendo è infatti il frutto della scelta del Comune, di passare dall’assegnazione in appalto dei Servizi (che ben funzionavano quando erano Pubblici) all’accreditamento dei medesimi ovvero dall’esternalizzazione dei servizi alla loro totale privatizzazione, così peggiorando sia il Servizio che le condizioni di lavoro ed economiche delle persone occupate.
La CUB denuncia:  e che il Comune di Milano -che ha ben scialato su altri fronti- decida oggi di privilegiare i propri interessi economici a scapito dei bimbi e dei loro genitori, della cittadinanza e dei lavoratori, rischiando di cancellare in concreto i diritti sociali essenziali alle persone.
Per anni partiti e sindacati concertativi hanno detto che “privato è meglio”, ma ora i nodi giungono al pettine. 
La CUB, i cittadini e i lavoratori che sono contro, si opporranno con la protesta, la mobilitazione, poiché il Welfare è un diritto ed è salario differito dei cittadini a favore dei ceti meno abbienti. 
Intanto in alcune delle Cooperative c.d. uscenti, pare ci sia già chi chiede alle lavoratrici di rassegnare le immediate dimissioni quasi che i giochi fossero fatti. Una iniziativa inaccettabile ! 
Le lavoratrici e i bimbi non possono diventare l’ostaggio di una partita giocata sul prezzo: no al disservizio, no alle dimissioni, no alla rottamazione del servizio ! 

Il Comune garantisca ora:
- ai bimbi, ai genitori, ai cittadini, la continuità d’un Servizio pubblico di elevata qualità,
- ai lavoratori la piena occupazione, la valorizzazione della professionalità, il salario.
In seguito:
- la re-internalizzazione di tutti i servizi Pubblici alla persona, per porre definitivamente la parola fine all’incertezza dei diritti dei cittadini e alla precarietà dei lavoratori.      

Diritti e lavoro … Welfare mon amour.

22 Luglio 09

CUB-Confederazione Unitaria di Base
Milano - V.le Lombardia, 20
Tel. 02/70631804 Fax 02/70602409

 

 

FaceBook