COMUNICATO STAMPA

24 MARZO: SCIOPERO DELLA SCUOLA

Per lunedì prossimo la CUB conferma lo sciopero per protestare contro la riforma


La CUB, Confederazione Unitaria di Base ritiene necessario, anche in questo momento di grande mobilitazione contro la guerra, dare una risposta forte al Governo in merito ad una sciagurata riforma della scuola e opporsi all’accordo confederali-governo per la firma del contratto.

 “Dopo la grande mobilitazione straordinaria del 20 marzo contro la guerra gli studenti torneranno in piazza per difendere i loro diritti - afferma Cosimo Scarinzi della CUB Scuola - la CUB chiama allo sciopero per difendere il carattere di diritto universale gratuito della scuola e la laicità e la qualità del servizio”.

La CUB si oppone al taglio degli organici, alla divisione tra istruzione e formazione, alla secca riduzione delle ore di lezione, alla esternalizzazione dei servizi e di parte dell’attività docente, al misero aumento contrattuale richiesto da CGIL-CISL-UIL e SNALS che non garantisce il pieno recupero dell’inflazione né tanto meno quelle retribuzioni europee delle quali tanto si è parlato.  

 La CUB chiede forti aumenti retributivi in paga base per docenti e ATA, il rinnovo del contratto collettivo nazionale scaduto il 31.12.2001, la salvaguardia dell’art. 34 della Costituzione Italiana che tutela il diritto allo studio.

Milano, 21 marzo 2003

 

Informazioni per la stampa: tel. 02 2666289 Fabia Caporizzi, cell.349 1937558

e-mail     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FaceBook