COMUNICATO STAMPA

“Siamo alle solite: contrattazione e democrazia sindacale sì,
ma solo per pochi e fortunati eletti!”

Mentre il Tribunale di Civitavecchia, lo scorso 19 settembre 2003, ha ribadito la piena legittimità delle assemblee sindacali in orario di servizio indette dai singoli rappresentanti R.S.U. ed anche in sede diversa da quella dell’Istituto, confermando le numerose analoghe sentenze che ribadiscono continuamente l’illegittimità della posizione del Ministero dell’Istruzione, che contrasta con le garanzie riconosciute dall’articolo 20 dello Statuto dei lavoratori, i noti coccodrilli dei sindacati confederali della scuola continuano a versare le loro solite lacrime.

Appena ieri sul sito della Cgil scuola è comparsa, nella pagina dedicata alle news, una nuova rivendicazione per una contrattazione a livello di singola scuola che veda le organizzazioni provinciali firmatarie del contratto nazionale del comparto scuola, quindi la Cgil scuola, come parte necessaria per  la stipula dei contratti integrativi d’Istituto, così come anche Cisl, Uil, Snals e Gilda.

La Cgil Scuola ha riaffermato la posizione espressa dal Giudice Monocratico del Tribunale di Bari in data 7 agosto 2003, con la quale il Giudice della Sezione Lavoro:“ha ritenuto illegittima l’esclusione dei sindacati provinciali dalla contrattazione di scuola per le sedute relative alla definizione dell’articolato contrattuale”.

Per non essere da meno, altri simpatici “compari”, eletti nelle RSU di alcune scuole della Cisl Scuola e dello Snals, come da noi già denunciato con il comunicato stampa dello scorso 24 settembre, “proibiscono” ai Dirigenti Scolastici di concedere le assemblee per il rinnovo delle RSU alla Cub Scuola, perché non firmataria del contratto del comparto scuola.  

Insomma, siamo alle solite: contrattazione e democrazia sindacale sì, ma solo per pochi e fortunati eletti!

 Roma, 3 ottobre 2003

                        p. la CUB Scuola – Federazione di Roma

                                  Claudio Ortale   (cell. 3396778781)       
FaceBook