Comunicato Stampa

MASSICCIA L’ADESIONE DEI LAVORATORI ALLO SCIOPERO PROCLAMATO DALLA C.U.B. NEL COMPARTO DEL TRASPORTO AEREO ITALIANO (ALITALIA E GESTIONI AEROPORTUALI)


Altissima l’adesione dei lavoratori del comparto del Trasporto Aereo Italiano allo sciopero proclamato dalla C.U.B. TRASPORTI sia in Alitalia che nelle aziende di Gestione Aeroportuale di Milano (SEA), di Firenze (AdF) ed altre ancora.

Nello sciopero della C.U.B. sono confluite anche le altre OO.SS. presenti nella compagnia.

Lo sciopero è stato proclamato contro i processi di privatizzazione, di precarizzazione del rapporto di lavoro, di societàarizzazione/terziarizzazione e di smembramento delle aziende, contro i licenziamenti ed i sacrifici dei lavoratori.

Tali provvedimenti, infatti,  stanno colpendo i lavoratori dell’intero comparto del Trasporto Aereo italiano: sia in Alitalia che nelle societàà di Gestione aeroportuali.

Lo sciopero è stato particolarmente partecipato dai lavoratori di Alitalia, della SEA e dell’AdF di Firenze.

Inoltre, enorme è stata la partecipazione dei lavoratori AZ alla manifestazione indetta dalla C.U.B. TRASPORTI a Roma davanti al Nuovo Centro Direzionale della compagnia.

Chiara la volontà dei lavoratori AZ di respingere il Piano di liquidazione dell’Alitalia. Il Piano prevederebbe di espellere dalla compagnia oltre 2700 lavoratori (1500 esuberi, 1200 attraverso le dismissioni) e intenderebbe procedere nella creazione di numerose societàà, più o meno partecipate dall’Alitalia, ma pronte per essere vendute.

I lavoratori dell’intero comparto del Trasporto aereo italiano hanno manifestato affinché le aziende restino in mano pubblica e non siano smantellate: processi che minacciano il futuro occupazionale e le condizioni salariali e normative di migliaia di persone.

 

Roma 28 novembre 2003                   

                                                      CUB Trasporti

 

FaceBook