Comunicato Stampa  

I lavoratori e i cassaintegrati dell’Alfa hanno organizzato una pacifica minicorsa dimostrativa prima della 16° tappa del Giro d’Italia Lissone-Varazze di Mercoledì ì 25. La pedalata partirà da Ospiate alle 11,30, tre quarti d’ora prima del passaggio del Giro.  

Ciclisti-alfisti in fuga per la vittoria   

Cinquanta ciclisti-alfisti partecipano al Giro per ribadire che occorre superare la cigs e  dare un futuro ad Arese.  I ciclisti in maglietta gialla con scritte rosso fuoco si riuniranno alle 10,30 davanti alla portineria di Arese: poi correranno da Ospiate ad Arese per quasi 3 chilometri.

Verranno scortati da un furgone-ammiraglia e preceduti da due splendide Alfa d’epoca.

Continuano le iniziative di mobilitazione dei lavoratori dell’Alfa di Arese. La Fiat, secondo la FlmUniti-CUB deve garantire il diritto al lavoro ridando un futuro allo stabilimento di Arese. Ciò è possibile solo se:

-si dà inizio alla costruzione del polo delle auto sportive Alfa-Ferrari-Maserati e avvio al polo della mobilità sostenibile promosso dalla Regione Lombardia che delineano scenari nuovi per riconfermare Arese come luogo di stile, progettazione, sperimentazione e produzione di vetture e motori Alfa;

-le banche e la Regione Lombardia, attraverso finanziamenti diretti sul modello Volkswagen, assumono un ruolo propulsivo per favorire la difesa dell’occupazione e lo sviluppo del settore auto.

 Per sostenere questi obiettivi i lavoratori dell’Alfa Romeo “parteciperanno” al Giro d’Italia  per riproporre l’unità tra lavoratori, cittadini e sportivi. Correranno per chiedere un futuro per l’Alfa Romeo di Arese che ora sembra destinata a una lunga agonia.

Mercoledì ì 25, in occasione della 16° tappa del Giro, infatti, per chiedere che il glorioso stabilimento di Arese possa avere un futuro, continui a progettare e produrre auto e motori e possa quindi garantire occupazione, 50 ex tute blu correranno in maglietta gialla con scritte rosso fuoco per circa tre chilometri.

I lavoratori dell’Alfa  percorreranno in bicicletta  il tratto Ospiate- Arese subito prima del passaggio dei corridori del Giro impegnati nella tappa Lissone Varazze.

   L’appuntamento è alle 10.30 alla portineria Centrale Alfa. Poco più tardi i Ciclisti-Alfisti partiranno per Ospiate. Da lì, preceduti da due vetture Alfa d’epoca, i ciclisti percorreranno circa tre chilometri in direzione Arese  indossando una maglietta gialla con scritte rosso fuoco.

 Al posto dello sponsor sul petto dei ciclisti campeggerà lo slogan “LAVORO, NO CASSA” mentre sul dorso potremo leggere a chiare lettere “UN FUTURO PER L’ALFA ROMEO DI ARESE”.

A fare da “ammiraglia” ci sarà un furgone allestito a dovere per l’evento. E’ possibile che per l’occasione venga portato ancora una volta anche San Romeo, per proteggere tutti i lavoratori in bilico tra cassaintegrazione e licenziamento.  

La pedalata di protesta partirà da Ospiate (diretta ad Arese) alle 11,30, tre quarti d’ora prima del passaggio del Giro d’Italia.

“Sarà una pedalata pacifica - sottolinea Pierluigi Sostaro, RSU-CUB – infatti anche dall’organizzazione abbiamo ricevuto un apprezzamento per la forma della nostra dimostrazione che non vuole recare danni al Giro ma anzi lo arricchisce di contenuti sociali” .      

Milano

23/05/2005  

FaceBook