7601.gifPadoa-Schioppa fischiato all'Università di Torino - La CUB: cresce l'opposizione sociale e scoppia anche un banale tafferuglio subito scambiato per violenza gratuita

 
Padoa-Schioppa fischiato all'Università di Torino e sugli scontri di ieri al rettorato.
La cronaca che ho letto questa mattina su diversi giornali dei fatti avvenuti a Torino ieri, Mercoledì ì 17 gennaio, nel cortile del Rettorato dell'Università di Torino mi ha colpito per la vivacità.

Come partecipante al presidio mi permetto di segnalare alcuni fatti:
1 - Il presidio al quale la CUB (Confederazione Unitaria di Base) partecipava assieme ad altre associazioni studentesche e sindacali aveva il semplice e limitato obiettivo di manifestare la nostra opposizione alla politica del governo per quanto riguarda pensioni, TFR, precariato ecc.. Peraltro, su questi temi, per fare un solo esempio, la Confederazione Unitaria di Base ha organizzato un riuscito sciopero dei lavoratori il 17 novembre dello scorso anno;

2 - Il presidio si è svolto in forma pacifica anche se, innegabilmente, vivace. D'altronde, cosa sono pochi petardi a fronte delle schioppettate sulle retribuzioni che subiscono i lavoratori mediante l'aumento della tassazione locale, i ticket, il taglio delle pensioni e lo scippo del TFR? Si può essere critici di fronte a qualche slogan vivace e a qualche fumogeno ma la violenza, a mio avviso, è cosa assai diversa.  
 
3 - La stessa piccola carica di alleggerimento che ha spinto i  manifestanti fuori dal cortile si è svolta senza alcuno scontro.
Per dirla tutta, prima e dopo la carica, il principale argomento di conversazione con i poliziotti presenti era la richiesta di informazioni sulla riforma delle pensioni e, su quest'argomento, diversi di loro manifestavano una qualche simpatia per la nostra mobilitazione.
A titolo personale, posso aggiungere che, avendo lasciato la mia borsa nel cortile, mi è bastato chiedere cortesemente di rientrare nel cortile stesso per recuperarlo e mi è stato possibile farlo.

In sintesi, non vorrei che un banale tafferuglio servisse per presentare l'opposizione sociale che cresce nel paese contro le grandi opere nocive e contro la militarizzazione del territorio per quello che non è né intende essere.

Come è avvenuto e avviene in Val Susa e come sta avvenendo a Vicenza, il sindacalismo di base, in particolare, la CUB intende sviluppare un'opera di informazione e di mobilitazione dei lavoratori e delle lavoratrici sulle questioni che ci riguardano tutti alla luce del sole e in forme tali da permettere la partecipazione collettiva delle popolazioni coinvolte.


Cosimo Scarinzi
membro dell'esecutivo nazionale della CUB
per info 3298998546

FaceBook