6133.gifFIAT SATA di Melfi: Ottavo sciopero proclamato da FLMUniti-CUB - 8 ore di sciopero domenica sera 2 luglio dalle 22,00 alle 06,00 del lunedì

8 ore di sciopero  domenica sera 2 luglio 2006 dalle 22,00 alle 06,00 del lunedì
Ancora una volta alla Sata di Melfi lo sciopero di domenica 25 giugno è riuscito all’80% circa. I lavoratori hanno dimostrato che anche sotto ricatto e atti intimidatori, lo sciopero resta un diritto, sancito dall’art. 40 della Costituzione Italiana.
Nei sui comunicati intimidatori fatti ai delegati che hanno condiviso lo sciopero proclamato, la Sata afferma che lo sciopero è irregolare.
Per quello che ci riguarda qui di irregolare c’è soltanto una cosa:
l’azienda che non perde mai occasione per dimostrare che ciò che si cerca di tutelare sono ormai soltanto gli interessi propri.
C’è aria di illegalità e di autoritarismo in tutto ciò da parte di SATA, c’è veramente un’aria che ha il sapore di regime.
Atti ingiusti, sbagliati, arroganti ed illegali quelli dell’azienda.
FLMUNITI-CUB ritiene non più sopportabili le azioni unilaterali ed illegali fatte dall’azienda nei confronti di 4 RSU che aderiscono a sigle sindacali autonome, le quali hanno solo un difetto: quello di avere una propria dignità da difendere.
FLMUNITI–CUB per questi motivi e per il diritto al riposo domenicale proclama sciopero alla SATA Melfi e aziende Terziarizzate:
1)per non permettere che il diritto di sciopero si calpestato e annullato, perché così morirebbe la democrazia e il diritto;
2)per la sicurezza sui luoghi di lavoro;
3)per il diritto di parità di salario;
4)per il diritto della continuità del lavoro per gli operai in CIG della CF GOMMA SUD e REJNA;
5)contro la precarietà lavorativa e l’assunzione degli interinali;
6)contro i provvedimenti emessi nei confronti delle 4 RSU che difendono la libertà sindacale
.
Melfi 30 giugno ’06
Federazione Lavoratori Metalmeccanici Uniti
Confederazione Unitaria di Base

Segreteria Provinciale
  Venosa (PZ) Via Monsignor Virgilio 57 tel. 0972/32454 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
FaceBook