Servizio video di Rete 55 del 20 agosto 2019

Al di la delle belle parole e delle veline Sea, che purtroppo regolarmente quasi tutti i media pubblicano, la situazione di Malpensa con la chiusura di Linate non si è normalizzata dopo i primi giorni, anzi.


TABELLA RITARDI al 19 agosto 2019

 

Se analizziamo i dati, possiamo verificare che la situazione è ormai consolidata con un terzo dei voli che regolarmente è in ritardo di oltre 15 minuti, mentre per chi parte centinaia di valigie restano regolarmente a terra, e chi arriva deve attendere anche ore per ricevere il proprio bagaglio.
Non ci convincono le tesi aziendali che parlano per la consegna dei bagagli di un dato fisiologico nella norma (da 1% a 2%) di bagagli non caricati nello stesso volo, mentre per i ritardi sostengono che non sono dovuti alla gestione aeroportuale di Malpensa.
Ad oltre 20 giorni dall’avvio del “Bridge” che, come sostenuto dai massimi dirigenti Sea, doveva dimostrare che Malpensa può puntare nei prossimi anni a questi livelli di traffico, ci sembra un “esperimento” che non deve avere seguito. Gli stessi dirigenti, oltre a spiegare come mai la compagnia Alitalia ha questa situazione di ritardi, debbono anche prendere atto che oltre ai danni subiti dal territorio e dai lavoratori ci sono anche i danni ai passeggeri.

Cub Trasporti Lombardia
Renzo Canavesi
347-7173746

       Bagagli-a-terra-e-ritardi-19-08-2019.pdf

 

FaceBook