ESSELUNGA E SINDACATI COMPLICI CONFERMANO L’ENNESIMO PEGGIORAMENTO PER I LAVORATORI.

Il 10 Maggio 2018 verrà ricordato in Esselunga come il giorno della svendita di uno tra i diritti più importanti, quella del riposo domenicale.

E’ stato infatti ratificato ufficialmente l’accordo sul lavoro domenicale con la solita complicità di cgil-cisl-uil, che ormai, pur non rappresentando quasi nessuno, prendono decisioni sulla testa di 23mila lavoratori.

Esselunga alla fine di questi due anni, oltre ad incrementare gli utili, ha incassato una grande vittoria a scapito dei lavoratori; le deroghe natalizie al 130% sono sparite, così come la festività del 16 Agosto per molte province della Lombardia.

Parliamo di milioni di Euro, mentre in cambio i lavoratori ricevono poche briciole e la certezza che l’organizzazione del tempo libero della domenica è stato venduto solo per poter permettere ai sindacati confederali cgil-cisl-uil di continuare ad esistere.

I lavoratori domenicali sono stati USATI come grimaldello per questo accordo, che non è servito e non servirà ad impedire a Esselunga di assumere ancora lavoratori con la domenica ordinaria.

Ancor più grave, non aver portato a casa nulla per i lavoratori domenicali se non un misero 5% dalla 25ma domenica e un più 10% dalla 37ma domenica, come se dovesse essere un incentivo per coloro che la domenica non hanno una scelta, mentre il problema eventualmente non è l’incentivo ma il disagio del lavoro domenicale.

NO all’accordo domenicale imposto da azienda e sindacati confederali!

 

Federazione Lavoratori Agro-Industria Commercio e Affini Uniti
Confederazione Unitaria di Base
Milano – V.le Lombardia, 20 – Tel. 02/70631804 - Fax 02/70602409

Fip Maggio 2018

scarica e visualizza il volantino Esselunga  in pdf

FaceBook