In questi ultimi giorni, come ripreso da tutti i mass media in Ikea stiamo assistendo ad una escalation di licenziamenti per futili motivi che non ha precedenti non solo in questa azienda, ma anche nella storia di questo paese.


A ben guardare dietro le motivazioni pretestuose tirate in ballo dal colosso Svedese, in realtà ci sono lavoratori con limitazioni lavorative, disabili e con figli invalidi che non sono più performanti secondo gli ''standard Ikea'' e quindi vanno eliminati dall'azienda.

Su questo ikea sta colpendo i lavoratori in difficoltà senza alcuna remora sul piano umano fregandosene anche dei pronunciamenti dei vari tribunali, ad es.Tribunale di Milano e Tribunale di Monza, che hanno dichiarato illeggittimi i licenziamenti di Mauro e Luca, e disposto l'immediato reintegro che l'azienda in maniera arrogante non ha effettuato.
Altri sono i licenziamenti del tutto arbitrari e noncuranti delle condizioni di sofferenza umana vissute dai lavoratori, citiamo ad esempio il caso più che noto di MARICA, di Ikea Corsico, licenziata perchè impossibilitata a rispettare orari assurdi imposti dall'azienda che non ha tenuto in nessun conto delle gravi situazioni che vive essendo madre di un figlio minore disabile.
Stessa sorte è toccata a FILIPPO di Ikea Anagnina, invalido sotto tutele legge 104 con quattro figli e cardiopatico, licenziato dopo 18 anni di servizio solo per disguidi relativi alla presentazione di un certificato inviato tramite posta elettronica.
Destino analogo è capitato a FRANCESCA e CLAUDIO dipendenti dell' Ikea di Bari licenziati per 5 minuti di pausa in più o per fantomatici cambi di organizzazione.

E questi sono solo alcuni esempi di una precisa strategia aziendale volta ad educare i lavoratori colpendone qualcuno come capri espiatori e probabilmente applicando il principio del ne colpisco uno per ''educarne'' cento.
 Di fronte a tali e tanti episodi usati strumentalmente per licenziare i lavoratori che per minimi problemi diventano non più ''performanti'' dobbiamo tutti costituirci parte civile e scendere in campo contro questi comportamenti aziendali perché anche i lavoratori che ora si sentono garantiti potrebbero per un nonnulla finire tra le persone a rischio di licenziamento.

Coordinamento nazionale Flaica Unita CUB- SGB

04/12/2017

 FlaicaUniti CUB Milano V.le Lombardia 20 - tel 0270631804 Facebook: Flaica- CUB

SGB Sindacato Generale di Base - Milano - Via Mossotti 1

 

 

Share this post
FaceBook