CUB Trasporti: Boicottiamo questa assurda votazione aziendal-sindacale.
Un vero referendum deve essere preceduto dalle assemblee di informazione ed approfondimento sul contenuto degli accordi, per rendere chiari a tutti gli effetti e le ricadute che si determinano; Un vero referendum deve avere una durata necessaria per consentire il voto a tutti i lavoratori, turnisti, naviganti, cassintegrati, …;


Un vero referendum deve prevedere un comitato di controllo indipendente e capace di garantire la trasparenza della votazione e soprattutto dei risultati (…non certo i rappresentanti della gestione del personale davanti alle urne!)
Questa è una consultazione preconfezionata che sarà attuata senza alcuna regola e controllo, pretesa da Colaninno e Del Torchio che hanno dettato anche modalità e tempi.

E’ una votazione organizzata soltanto per tentare di pulire la faccia a tutta quella casta di parassiti sindacali e dirigenti aziendali , ormai totalmente screditati e che hanno prodotto solo e sempre disastri.

Ora ci vogliono far credere, loro che non hanno mai rispettato alcuna votazione (…è successo anche qualche giorno fa in Sea a Linate e Malpensa), di volersi attenere alle nostre decisioni (sic!) ma ci ricordano che se non approviamo i LORO accordi CAI fallirà e saremo tutti licenziati.

Questa è una vergognosa mistificazione dei fatti e la si può definire come un vile ricatto, una pura estorsione di volontà per farci applaudire all’ingresso di Etihad.

Non è in ballo l’accordo con Etihad! Se rischia di saltare non è di sicuro per l’esito del voto! Non solo vogliono farci ingoiare altre migliaia di licenziamenti, ulteriori tagli salariali ed il prelievo forzoso (un prelievo forzoso dalle buste paga che rappresenta una vera novità nel mondo sindacale!), ma vogliono che gli omicidi-licenziamenti diventino “suicidi” e che la rapina nelle NOSTRE tasche diventi una “donazione” volontaria.

I sindacati e l’azienda giocano a fare i prestigiatori e tentano di confondere la categoria, dividendosi le intese da sottoscrivere (a parte la Cisl che firma come al solito tutto!) pur di assicurare il successo della rapina attuata a spese dei lavoratori.


NO, GRAZIE!
Il vostro squallido terrorismo non ci fa paura!
LA DEMOCRAZIA È ALTRA COSA!
BOICOTTIAMO IL REFERENDUM
DI COLANINNO-DEL TORCHIO E DEI SINDACATI FIRMAIOLI!


Roma, 23.07.2014

 

CUB Trasporti

 

LA VERTENZA ALITALIA:

 

FaceBook