Sottoscrivendo per la sesta volta la proroga della Cigs (...valida fino alla fine di dicembre, quando si capirà se e come verrà rinnovata l’alimentazione del FdS del T.A.!), si sono ratificati, ancora una volta, oltre 1000 esuberi FTE tra Piloti, AA/VV e personale di terra di Alitalia: una conferma dell’ennesimo PROGETTO DI RIDIMENSIONAMENTO E TAGLI.


A nulla sono valsi gli appelli che più volte la Cub-Trasporti ed AirCrewCommittee hanno rivolto al Governo, ai Commissari Straordinari AZ e alle altre OO.SS. affinchè non venisse ribadito l’utilizzo di ammortizzatori sociali nella Compagnia di Bandiera italiana, ove non esiste alcuna “eccedenza” di personale, come senz’altro sarà appurato anche dalle indagine delle autorità competenti, che auspichiamo possano procedere con le verifiche a terra dopo quelle fatte tra i naviganti.

D’altra parte, è altrettanto evdente che l’impianto dell’intervento che il Governo è intenzionato ad attuare, a meno di repentini ripensamenti dettati dall’impraticabilità della strada intrapresa, conferma l’adozione delle stesse strategie fallimentari finora adottate negli ultimi 15-20 anni, in nome di un rilancio che non si è mai concretizzato vista la mancanza di investimenti adeguati.
Infatti, a parte la condivisibile scelta politica di “forzare” la partecipazione nel capitale della futura new-Company delle FS e, in qualche modo, del MEF, la decisione di rivolgersi “con il cappello in mano” al mercato per individuare gli investitori privati, si sta dimostrando miope e pericolosa, esponendola al saccheggio da parte della concorrenza “amica” e di investitori poco interessati allo sviluppo di Alitalia.

Da parte di Delta, dopo oltre 1 anno dal suo “interessamento”, non sembra emergere uno squisito interesse del vettore americano al rilancio della Compagnia di Bandiera italiana ma piuttosto l’obiettivo di sottrarre Alitalia dalla sfera di interesse di Lufthansa, privandola, però, di qualsiasi prospettiva di risanamento e rilancio. Relegare la Compagnia di Bandiera italiana in una condizione di subalternità nell’alleanza Blu Skies e affossarla con fee insostenibili, mirate a “garantire” il recupero dell’esiguo investimento iniziale di Delta, sono condizioni inaccettabili che manifestano le reali intenzioni della compagnia americana.

Per quanto riguarda l’intervento di Atlantia in AZ è evidente quanto sia finalizzato a fungere da catalizzatore alla soluzione della vicenda che riguarda le concessioni autostradali: tutt’altro che un intervento che assicura prospettiva e sviluppo ad Alitalia, comunque subordinato alla efinizione di una intricata e delicata vicenda, iniziata con la morte di decine di persone, nonchè con strascichi legali e di cronaca tutt’altro che irrilevanti, ancora da “dispiegarsi” interamente.

Inoltre, nonostante i numeri dell’Amministrazione Straordinaria restino ancora coperti e, nell’incontro al Mise con il Ministro Patuanelli, i Commissari AZ si siano rifiutati di chiarire la posizione finanziaria netta di Alitalia, la situazione in cui versa la Compagnia di Bandiera italiana, nonostante i sacrifici già fatti dai lavoratori, l’utilizzo indiscriminato degli ammortizzatori sociali, il mancato versamento dei contributi previdenziali per il personale di volo (un danno a pensioni e prestazioni assistenziali!), appare tutt’altro che rosea e urge un intervento che la metta al riparo dalla liquidazione:
oggi più che mai è evidente come la
NAZIONALIZZAZIONE sia L’UNICA SOLUZIONE!
In tutto ciò appare evidente che il Governo non si potrà presentare alla scadenza del 15 ottobre p.v. con l’ennesima richiesta di tagli occupazionali e salariali, di peggioramenti normativi e di ulteriore sfruttamento della precarietà, ovvero con un Piano che confermi il ridimensionamento ed i tagli pensati da FS e Delta e trapelate già da qualche mese.

In tale contesto Cub Trasporti ed AirCrewCommittee, rinviando la mobilitazione di fine settembre confermano la proclamazione di uno SCIOPERO DI TUTTI I LAVORATORI AZ PER IL 25 OTTOBRE – 24 h e lanciano un appello a tutte le altre OO.SS. per costruire al più presto una manifestazione dei lavoratori AZ, a sostegno dello sviluppo e contro i tagli.

Roma 30.9.2019
C.U.B. TRASPORTI - AIRCREWCOMMITTEE


CUB Trasporti - Confederazione Unitaria di Base
Via Ponzio Cominio 56, 00175 Roma
Tel. 0676968412 - 0676960856 Fax 0676983007
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  -   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

      Alitalia-Un-Piano-verso-il-nulla.pdf

 

FaceBook