Riceviamo oggi dal Ministero dei Trasporti (ma c'è ancora?), una richiesta di sospendere gli scioperi proclamati dalla CUB TRASPORTI. LETTERA AI VIAGGIATORTI.


Scioperi regolari, che non hanno subito nessuna contestazione da parte della commissione di garanzia.
Scioperi dichiarati prima della franchigia per il divieto di sciopero che nel periodo va estivo dal 27 luglio e finisce il 5 settembre. Periodo in cui tutt* possono godere delle meritate vacanze.
Questa va a discapito però dei lavoratori e delle lavoratrici dei trasporti che in questi anni e soprattutto nei periodi estivi hanno subito soprusi e abusi dalle aziende e dai subappalti.
Non ultimi i governi che si sono succeduti nell'ultimo ventennio hanno ribassato stipendi e aumentato i carichi di lavoro, flessibilità e le responsabilità.
ORA CI VOGLIONO TOGLIERE IL DIRITTO ALLO SCIOPERO.
Siamo schifati da questa situazione e siamo pronti a scendere in piazza ( se ancora ci sarà permesso), a manifestare la nostra contrarietà e a LOTTARE per i nostri diritti di sciopero e di un lavoro che restituisca la DIGNITÀ a tutti i lavoratori e a tutte le lavoratrici.
Verona 03.09.19
CUB TRASPORTI Verona 

*************************************LETTERA AI VIAGGIATORTI*******

SCIOPERO 06 SETTEMBRE 2019
GENTILI PASSEGGERI/E,
ci dispiace molto crearvi disagio nel vostro viaggio, ma siamo ormai costretti a questo se vogliamo farci sentire.
Ci presentiamo, siamo i lavoratori e le lavoratrici di Ags handling SRL e Alpina service società cooperativa, due aziende figlie dello stesso proprietario.
Ci occupiamo di coordinare le squadre degli operai che fanno partire i vostri aerei in sicurezza, che la distribuzione di carico di merce/posta/passeggeri e bagagli sia correttamente distribuito sugli AEREI che voi prendete E DI FARLI PARTIRE IN SICUREZZA, siamo quelli che guidano gli autobus su cui voi salite con le vostre famiglie, i vostri amici, i vostri colleghi di lavoro, ci occupiamo di posizionare le scale sugli aeromobili in modo tale che possiate scendere e salire in sicurezza, siamo quelli che trainano gli aerei dalla piazzola fino alla pista, prima dell’inizio del vostro viaggio; ci occupiamo di controllare che i documenti di viaggio siano in regola e verificarne l’effettiva validità, siamo quelli che si occupano di controllare le prenotazione e permettervi un viaggio dignitoso.
Dobbiamo essere al pari con le procedure ogni giorno e gestiamo più di 20 compagnie aeree.
I trattamenti economici, come per quasi tutti i lavori, ormai siamo al ribasso, dal 2013 a oggi il nostro stipendio si è abbassato di € 200,00/mese con la complicità di ALCUNI SINDACATI amici dei PADRONI, con le bende sugli occhi del gestore aeroportuale, dell’Ente Nazionale Aviazione civile (ENAC) e chi più ne ha più ne metta.
Oggi NOI lavoratori e lavoratrici di Ags Handling Srl E Di Alpina Service Soc.Coop, assentandoci dal lavoro vogliamo dimostrare che senza di NOI i vostri aerei non partono in orario e in alcuni casi non partono proprio.
I dipendenti della COOPERATIVA ALPINA lavorano da anni senza vedere applicato il contratto di riferimento previsto a norma di legge per gli operatori aeroportuali, ma bensì un contratto che risponde alle esigenze solo del datore di lavoro, ad esempio: gli aumenti di flessibilità oraria, aumenti di responsabilità e aumenti dei carichi di lavoro. Parliamo di circa 90 euro mensili in meno di differenza.
I dipendenti di AGS handling srl, invece hanno appena subito l’ennesimo torto, dal 01 maggio 2019 gli è stato abbassato lo stipendio del 3.47% al mese, modificando l’orario di lavoro UNILATERALMENTE, senza accordare nulla con NESSUN SINDACATO. Tradotto, dagli 80 ai 150 euro al mese in meno di differenza.
SIAMO STANCHI E STANCHE DI ESSERE TRATTATE E TRATTATI DA DIPENDENTI ROMPISCATOLE, PER ANNI ABBIAMO TACIUTO PERCHÉ A CAUSA DELLA CRISI RINGRAZIAVAMO DI AVERE UN LAVORO, MA QUESTA NON È UNA SCUSANTE PER LO SFRUTTAMENTO A CUI VENIAMO SOTTOPOSTI OGNI GIORNO.
AGS HANDLING è un’azienda che ti fa firmare un contratto e poi ne applica un altro, è un’azienda che dice di voler assumere chi ne ha diritto, solo se però il lavoratore rinuncia alle differenze retributive che da anni gli DEVONO essere pagate. Un’azienda che non ti riconosce il livello di inquadramento a seconda della mansione svolta, è un’azienda che crea discriminazione tra i lavoratori e le lavoratrici, è un’azienda che in pieno AGOSTO però, ha trovato il tempo di mandare lettere di contestazione disciplinare e le relative sanzioni ai lavoratori e lavoratrici in protesta sindacale per l’abbassamento dello stipendio.

NON HA TROVATO IL TEMPO DI RISPETTARE LE SENTENZE PERSE IN TRIBUNALE IN Più OCCASIONI E APPLICARE LO STESSO TRATTAMENTO AI LAVORATORI E LAVORATRICI CHE SVOLGONO CORRETTAMENTE IL LORO LAVORO OGNI GIORNO.
Cub Trasporti Verona

      veronasera.it

     Sciopero-AGS-06-sett-lettera-ai-viaggiatori.pdf

 

FaceBook